• Paginemamma
  • News
  • Restare insieme per i bambini? Può essere controproducente per il
Dimensione carattere: A |A|A Stampa 
Invia ad un amico
digg bookmarking del.icio.us bookmarking LinkedIn bookmarking Technorati bookmarking facebook bookmarking Altri Network di Social Bookmarking
  • google bookmarking
  • yahoo bookmarking
  • reddit bookmarking
  • furl bookmarking
  • blogmarks bookmarking
  • blinklist bookmarking
  • simpy bookmarking
  • netvouz bookmarking
  • Windows Live bookmarking
Psicologia

Restare insieme per i bambini? Può essere controproducente per il loro futuro sentimentale

Restare insieme per il bene dei bambini non è sempre può rivelarsi la scelta giusta. Anzi in certi casi può essere davvero controproducente.
 
Una ricerca condotta dalla sociologa Costance Gager, dell’Università del New Jersey, ha mostrato che i figli di divorziati non hanno maggiori probabilità di andare incontro a un divorzio rispetto a quelli che hanno avuto genitori che sono rimasti insieme. Tutto dipende dal grado di conflitto al quale sono stati costretti ad assistere.

Un matrimonio felice che si conclude con una separazione cordiale insomma non influenza negativamente il futuro sentimentale dei bambini. Diverso discorso, invece, se la coppia altamente conflittuale resta unita solo per la presenza dei figli, che sono costretti ad assistere a liti e scenate e crescono in una atmosfera familiare carica di tensioni.

Lo studio condotto dalla Gager ha indagato sulle unioni sentimentali di centinaia di persone con diverse situazioni familiari alle spalle.

La conclusione della sociologa è: "i figli di genitori che avevano avuto un matrimonio sereno e che si era concluso con un divorzio cordiale avevano maggiori probabilità di mantenere nella loro vita relazioni di successo rispetto ai figli di genitori litigiosi che avevano deciso di restare uniti nonostante il fallimento del loro legame".
 
Ci sono molti modi di dare un esempio di legame riuscito e uno di questi è separarsi in modo sereno”, conclude la sociologa.

Data pubblicazione lun, 02 mag 2011
Data ultima modifica lun, 02 mag 2011
Se vuoi inserire un commento compila i campi sottostanti.
Se invece hai un dubbio o un problema da sottoporci, accedi al servizio l'Esperto risponde

Inserisci un commento


sei collegato con il tuo account Facebook
Codice di conferma:
Digita il codice visualizzato. Le lettere vanno digitate minuscole.
security code
I commenti inviati dai lettori sono soggetti ad approvazione.
La redazione di paginemamma.it si riserva il diritto di non pubblicare commenti offensivi, diffamatori, scritti con linguaggio non adeguato, lesivi della dignità o morale altrui o non pertinenti con l'argomento trattato.
Inserisci un Commento
Sei un medico registrato a paginemediche.it?
Inserisci la tua Username e la tua Password per pubblicare un commento qualificato.
Username
Password
Sei non sei ancora registrato a paginemediche.it come medico puoi farlo qui oppure se non ricordi la tua password puoi richiederla qui.