Giocare tra gli alberi

22/05/2013

giocare tra alberi bigPuò sembrare una notizia incredibile considerando quanti bimbi vediamo giocare nel parchetto sotto casa, ma la verità è che si tratta di una minoranza. La maggior parte dei bambini passa il pomeriggio in casa, solitamente davanti alla televisione o giocando al computer, perdendo così una serie di esperienze importantissime per la propria crescita.

Secondo una ricerca recentemente condotta, un bambino su dieci non sa andare in bicicletta, non si è mai arrampicato su un albero, ignora cosa vogliano dire giochi comunissimi come campana, palla avvelenata o un-due-tre stella.

Questa mancanza è realmente penalizzante per i bambini, poiché giocare all’aria aperta, sporcarsi di terra e fango sono delle attività che oltre a renderli felici, li aiutano ad essere maggiormente attivi e a giocare insieme ai loro coetanei. Questo ha un’evidente e positiva ricaduta sia sulla loro salute che sul loro sviluppo fisico ed emotivo.
Arrampicarsi su un albero, ad esempio, insegna loro che per superare una sfida lo sforzo e la concentrazione sono fattori fondamentali.

Non sempre la sedentarietà di questi bambini è una loro scelta, si tratta in molti casi di una pigrizia dovuta ai genitori, che stanchi delle mille attività quotidiane preferiscono restare in casa con i loro figli a gestire i piccoli aspetti pratici della vita familiare.

E’ invece importante spronare i bambini a vivere all’aperto quanto più possibile e a vivere esperienze a contatto con la natura e con i loro coetanei ed è altrettanto importante che i genitori non limitino le attività e la voglia di esplorare dei bambini.

Troppo spesso la salute, la pulizia e la sicurezza diventano scuse per evitare che i bambini facciano determinate attività. Questo è un errore: lasciarli liberi e sorvegliarli è un giusto compromesso per non limitare le loro nuove esperienze. Arrampicarsi su un albero, vuol dire esporsi al rischio e imparare a gestirlo. E se si sporcano…. A casa si lavano!

I parchi e i boschi in particolare rappresentano per i bambini un ambiente ricco di stimoli e di sfide e consente di lavorare con la fantasia per creare infiniti giochi: costruire una tana, studiare gli insetti, fare i nodi con le corde e arrampicarsi, o costruire altalene sulle quali dondolarsi.

Quindi perché non iniziare proprio il prossimo week end organizzando una gita con tutta la famiglia?

Consigli di lettura

  • Giocare tra gli alberi di Alexandra Schwarzer

     

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.