Giocattoli

11/08/2010

giocattoli bambini bigLa crisi economica spinge molte famiglie a stringere sui consumi, addirittura molti si trovano costretti a rinunciare alle spese mediche e a risparmiare sulla qualità dei prodotti alimentari, ma l’industria del giocattolo non conosce crisi: i genitori non smettono di comprare giocattoli e spesso esagerano nel numero di acquisti.

Si calcola che i bambini desiderino in media tre giocattoli e ne ricevano undici. Ciò dimostra che spesso gli adulti acquistano i giocattoli più per soddisfare un proprio bisogno (senso di colpa, ricompensa per qualche punizione, noia) che per rendere felici i bambini.

Tuttavia il giocattolo è importante e rappresenta un prezioso alleato per la crescita dei bambini, per questo è importante scegliere un giocattolo adatto all’età del bambino e soprattutto sicuro.

La Commissione europea ha lanciato una Campagna europea sulla sicurezza dei giocattoli finalizzata ad informare i genitori e i consumatori su come acquistare i giocattoli più sicuri e utilizzarli senza pericoli. Promuovere la sicurezza dei giocattoli è estremamente importante dal momento che, come ricorda l’ADUC, l'80% dei giocattoli importati nell'Unione Europea sono di fabbricazione cinese e il 70% dei prodotti pirata che circolano in Europa è di origine cinese.

Gli esperti dell’ADUC hanno elencato quali sono le caratteristiche di un giocattolo sicuro:

  • Sulla confezione deve essere stampato ben evidente il marchio CE (conformità Europea): ciò indica che il giocattolo risponde alle norme europee in materia di sicurezza, anche se questo marchio rappresenta più una garanzia giuridica che una garanzia effettiva di sicurezza, dal momento che viene apposto direttamente dal produttore che, quindi, autocertifica la conformità; inoltre la contraffazione del marchio CE è estremamente diffusa.
  • L’etichetta deve riportare il nome del costruttore o del distributore e le modalità per contattarlo.
  • Deve indicare l'età del bambino e in caso di alcuni tipi di giocattoli (come ad esempio le piscine gonfiabili o i braccioli) la dicitura 'questo gioco va usato sotto la sorveglianza di adulti'. Il  giocattolo 'non indicato per un'età inferiore ai 36 mesi' o che porta sulla confezione un simbolo rosso può rivelarsi pericoloso per i bambini che hanno meno di tre anni.  

Tuttavia è bene sapere che i produttori di giocattoli non sono obbligati a sottoporre i propri prodotti a test di sicurezza presso istituti esterni e che, pertanto, l’etichettatura e la 'messa in sicurezza' del giocattolo rappresentano un’autocertificazione che esso è conforme alle norme europee.

Sarebbe preferibile, quindi, acquistare giocattoli che portino sull’etichetta altri marchi: 'Giocattoli sicuri' dell’Istituto italiano di sicurezza dei giocattoli e 'IMQ' dell’Istituto per il marchio di qualità (che certifica la sicurezza dei giochi elettrici ed elettronici). Questi marchi garantiscono che il prodotto è stato esaminato e che è stato costruito seguendo le indicazioni dei sistemi certificati di qualità, secondo le norme di livello europeo come quelle della serie En Iso 2.000.

Per aiutare i genitori ad orientarsi e tutelare la salute dei propri figli, arriva sul sito del ministero un’apposita area tematica interamente dedicata alla sicurezza dei giocattoli e dei prodotti a libero consumo.

Per approfondire:

 

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.