spermiogramma come funziona e quando si fa

Spermiogramma, come funziona e quando si fa

27/12/2016

Lo spermiogramma è l’esame principale che permette di analizzare la qualità del liquido seminale per evidenziare eventuali anomalie. Si calcola che nel 60% dei casi di infertilità la causa sia da ascrivere all’uomo. Secondo gli studi condotti negli ultimi anni, tra le 60mila e le 80mila coppie in Italia si trovano a dover affrontare problemi di fertilità ogni anno. E allora lo spermiogramma viene in molti casi prescritto all'uomo per cercare di capire quale sia la qualità del liquido seminale e se ci siano problemi che possono pregiudicare le possibilità di concepimento.

Come funziona lo spermiogramma

Il primo passo per indagare sulla fertilità maschile è analizzare il liquido seminale, ricordando che non sempre un liquido seminale definito patologico è sinonimo di incapacità di procreare: a volte una donna con elevato potenziale di fertilità può compensare un deficit seminale, anche importante.

Il liquido seminale è un fluido viscoso frutto dell’eiaculazione che contiene secrezione prostatica e spermatozoi. Il primo esame da eseguire per valutare la qualità del liquido seminale è lo spermiogramma che riesce a studiare tre elementi fondamentali degli spermatozoi:

  • la forma
  • il numero
  • la motilità

Come si fa lo spermiogramma

Il paziente deve osservare un periodo di astinenza sessuale di 3-5 giorni e sospendere le terapie farmacologiche con antinfiammatori, antibiotici, ormoni e steroidi. La raccolta del campione avviene tramite masturbazione manuale e il liquido seminale viene raccolto in un contenitore sterile di vetro o di plastica. Il campione va consegnato entro un’ora cercando di mantenere il contenitore tra una temperatura di 20-40 gradi.

Vanno analizzati due campioni, il secondo raccolto a distanza di 1-3 settimane dal primo.

I risultati dello spermiogramma

Soltanto una diagnosi di azoospermia o completa immobilità degli spermatozoi equivale a un verdetto di sterilità; negli altri casi la presenza di una quantità qualsiasi di spermatozoi indica la possibilità di un concepimento.

Terminologia variabili seminali:

  • Normozoospermia: secondo i valori di riferimento è presente un eiaculato nella norma;
  • Azoospermia: gli spermatozoi sono completamente assenti nel liquido seminale;
  • Oligozoospermia: la concentrazione degli spermatozoi è inferiore alla norma;
  • Astenozoospermia: gli spermatozoi presentano una motilità inferiore alla norma;
  • Oligoastenozoospermia: gli spermatozoi presentano sia una concentrazione ed una motilità inferiore alla norma;
  • Teratozoospermia: gli spermatozoi presentano una morfologia inferiore ai valori di riferimento;
  • Oligoastenoteratozoospermia: gli spermatozoi presentano una alterazione di tutti i parametri e le variabili;
  • Criptozoospermia: assenza di spermatozoi nell'eiaculato ma presenza degli stessi nel centrifugato;
  • Ipoposia: vi è un ridotto volume del liquido seminale.

Il costo dello spermiogramma in genere varia tra 10 e 20 euro a seconda del laboratorio.

Spermiogramma e spermiocoltura

Se lo spermiogramma è un esame volto a valutare la qualità del liquido seminale e le caratteristiche degli spermatozoi, la spermiocoltura è un'analisi colturale del liquido seminale che permette di fare una valutazione di quanti e quali agenti patogeni possano essere presenti nel liquido seminale. In pratica questo esame viene effettuato quando c'è il sospetto d essere affetti da una qualche malattia trasmessa sessualmente oppure quando si sta per affrontare un iter di procreazione medicalmente assistita.

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.