il metodo del time out

Il metodo del 'Time Out'

19/02/2016

Il bambino fa i capricci, strepita, grida e sembra non voler sentire ragioni. E' forse il momento di urlare più di lui, abbandonarsi ad uno sculaccione, cedere al capriccio? Secondo i sostenitori del metodo del 'Time Out' questo è proprio momento per prendersi una pausa.

Il metodo del Time Out trova le sue fondamenta nell'idea che il capriccio del bambino ha sempre una sua ragion d'essere, ed esprime un disagio, un'ansia, una paura. Sentimenti che vanno indagati e compresi dai genitori ma che è difficile tirar fuori nel bel mezzo della crisi emotiva. E allora ci si prende una pausa per far rientrare le emozioni negative e per recuperare la giusta serenità, oltre che per allenare la capacità di autocontrollo.

Come funziona il Time Out

Innanzitutto bisogna preannunciare che verrà usato questo tipo di metodo educativo. Fate al bambino un elenco di azioni che verranno corrette con il Time Out e quando sarà necessario limitatevi a dire “non alzare le mani, vai in Time Out!”. Evitate di fare minacce che non verranno attuate perché questo sminuirebbe l'intero metodo. Se si è deciso di usarlo per correggere alcuni comportamenti non bisogna poi tornare indietro o usarlo a fasi alterne.

Quando la situazione diventa ingestibile si impone il momento del Time Out: il bambino deve andare in camera sua o in un luogo prestabilito (che deve essere 'noioso' e lontano da distrazioni) dove trascorrerà un certo periodo di tempo a 'sbollire' la rabbia e per riflettere sulle sue emozioni. Nel frattempo anche il genitore recupererà fiato e serenità.

Il bambino verrà accompagnato in camera sua con parole del tipo “so che sei arrabbiato ma non si può stare in mezzo agli altri con questo atteggiamento”, oppure “so che sei arrabbiato con tuo fratello ma non posso accettare che alziate le mani quindi prendetevi e tempo per recuperare la calma”. L'importante è far capire al bambino che non è lui ad essere cattivo, ma le sue emozioni che deve imparare a controllare.

Se il bambino è più grandicello e si rifiuta di andare nello spazio dedicato al Time Out si passa alla privazione di un privilegio.

Quando usare il metodo del Time Out

Il Time Out deve essere limitato a situazioni precise e non sempre. Sarebbe utile tenere un diario dei momenti in cui è stato scelto di usare questo metodo per evitare di abusarne.

Si possono scegliere tre/quattro comportamenti che verranno gestiti con il Time Out (quando alza le mani, urla e fa i capricci, morde,etc.).

Il Time Out va usato subito, non appena si presenta il comportamento da gestire. Quindi inutile rimandare “a quando sarete a casa” perché i bambini hanno la memoria corta e non servirebbe a molto. Se il comportamento da correggere avviene in un luogo commerciale o in pubblico si deve cercare un angolino tranquillo dove si può svolgere il recupero dell'autocontrollo.

Il momento del Time Out dovrebbe durare un minuto per ogni anno di età se ci si rende conto che il tempo non è sufficiente per far recuperare l'autocontrollo si può allungare il tempo. Se il bambino esce dallo spazio del Time Out per venire da voi il tempo riparte. Quando il tempo del Time Out finisce andate a comunicarglielo e se la situazione è rientrata non mostratevi arrabbiati con lui, ma invitatelo a spiegarvi perché è stato dato il Time Out e quale comportamento ha avuto.

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.