Lo sviluppo del senso del tatto

02/09/2013

gravidanza tatto bigIl contatto epidermico, detto anche sensazione tattile, al momento della nascita è il senso più sviluppato rispetto a tutti gli altri.

In assoluto il tatto è il primo, dei cinque organi di senso, a fare la sua comparsa immediatamente dopo la fase embrionale. Il bambino sarà in grado di sentirsi completamente rassicurato quando verrà adagiato tra le braccia della madre immediatamente dopo il parto. Soprattutto, sarà in grado di riconoscere all'istante la mamma non appena le sue guance sfioreranno il suo seno caldo e per il piccolo, aprire la bocca e conquistare il capezzolo, sarà la prima vittoria.

Vediamo ora come il sistema sensoriale inizia la sua funzione di rilevatore di segnali fin in epoca embrionale. Alla sesta settimana dal concepimento il senso del tatto ha iniziato la sua funzione del riconoscimento; le prime aree del corpo a sperimentare il senso del tatto sono le labbra e immediatamente dopo il naso. Alla nona settimana di gestazione, la stimolazione tattile viene percepita a livello del mento e delle braccia per arrivare, alla fine della decima settimana, alla capacità di avvertire la sensibilità delle gambe. Alla dodicesima settimana, la quasi totalità della superficie corporea dell’embrione, è in grado di captare la stimolazione sensoriale; l’unica area del corpo a rimanere insensibile fino a tutto il periodo espulsivo del parto è la parte posteriore e la sommità del capo.

Il ritardo della competenza sensoriale della testa ha il suo senso logico, è un ritardo programmato ed è volto a un fine specifico: proteggere dal dolore che potrebbe provare il feto nel momento espulsivo del parto. Nel parto normale, detto anche eutocico, la testolina del feto si posiziona in modo tale da presentare la cima della testa nel canale del parto, in questo modo non si percepisce il dolore dovuto alla compressione, nel momento del suo massimo impegno ovvero quando per guadagnarsi la vita autonoma e diventare un bambino, deve spingere in modo impetuoso.

Il sistema sensoriale alla nascita non è ancora completamente sviluppato. La mielina, la sostanza che riveste l’assone, la parte terminale della cellula nervosa, completa il suo sviluppo intorno al sesto mese di vita mentre le connessioni tra l’assone e la corteccia cerebrale si completano dopo circa dodici mesi. E’ soltanto dopo il compimento del sesto anno di vita che sulla corteccia cerebrale sono rappresentate tutte le aree sensoriali del corpo. Nella primissima infanzia il bambino ha una rappresentazione del corpo molto confusa, le mappe del senso tattile nella corteccia cerebrale sono ancora vaghe.

 

Tratto da: 'GuidaGenitori.it - La guida per comprendere il comportamento dei nostri figli' della Dott.ssa Rosalba Trabalzini.

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.