come curare l influenza nei bambini

Come curare l'influenza nei bambini

30/09/2016

Come curare l'influenza nei bambini? Le nonne ce lo avranno ripetuto mille volte: quando siamo malati i rimedi naturali possono aiutarci quanto le medicine. Soprattutto in questo periodo dell’anno, con l’influenza stagionale alle porte, si può ottenere sollievo da tosse, raffreddore, dolori muscolari grazie anche ad alcuni semplici rimedi.

Ad esempio, ecco qualche rimedio per curare l'influenza anche nei piccoli:

  • il brodo di gallina aiuta a guarire prima dalle infezioni, soprattutto del tratto respiratorio superiore, perché facilita la ricostruzione delle cellule danneggiate. Inoltre, poiché come ben sappiamo l’influenza causa inappetenza e bere del brodo caldo può essere il modo migliore per nutrirsi;
  • il famoso latte caldo aiuta di certo a sentirsi meglio e ad alleviare i sintomi influenzali, ma bisogna ricordarsi che può aumentare la produzione del muco;
  • una tisana con miele può lenire il mal di gola e bere molto è in generale molto importante poiché l’influenza causa spesso disidratazione.

Anche il riposo ha la sua importanza: una ricerca svolta da Anifa (Associazione nazionale industria farmaceutica automedicazione) ha evidenziato che il 42% delle persone che hanno l’influenza, non va a lavorare, il 36% non esce di casa, il 50% limita gli spostamenti mentre il 9% fa tutto come sempre. L’importante è ascoltare il proprio corpo e assecondarne i bisogni. Se si sente di voler passare l’intera giornata sul divano sotto una coperta calda, bisogna arrendersi alla richiesta che il nostro fisico debilitato ci sta facendo. Anche il sonno notturno è importante poiché aiuta il sistema immunitario a lavorare meglio per combattere le infezioni.

Leggi anche:
La febbre nei bambini
La febbre non è una malattia, ma il sintomo di numerose patologie che sono provocate dall’intrusione da parte di virus e batteri nell’organismo.

Un’attenzione particolare è richiesta per l’ambiente in cui viviamo: respirare aria umida aiuta a ridurre la congestione nasale, la tosse e il mal di gola, perciò se non possediamo un umidificatore ambientale possiamo semplicemente accendere la doccia e sederci in bagno per qualche minuto, inalando il vapore

Per lo stesso principio, i famosi suffumigi fatti inalando il vapore di una pentola piena di acqua bollente con la testa coperta da un asciugamano possono ridurre la congestione nasale. Meglio ancora se si sciolgono nell’acqua un paio di gocce di olio di eucalipto o di menta piperita.

Ma c'è un modo per curare l'influenza velocemente?

Avere accanto qualcuno che si prenda cura di noi. Un familiare, un amico che ci prepara una tazza di tè caldo, o ci prepara un bagno, guarda con noi un film sul divano ci aiuterà a sentirci subito meglio.

Quali farmaci usare per curare l'influenza nei bambini

Anche se l'influenza non si cura con dei veri e propri farmaci, ma devono passare due o tre giorni prima che la febbre e gli altri sintomi passino, ci sono comunque alcune medicine che possiamo somministrare ai bambini. In questo caso, quindi, i farmaci di automedicazione restano utili per curare i sintomi dell’influenza.

Si possono comunque assumere delle medicine utili ad abbassare la febbre, se troppo alta, come il paracetamolo.

Ma anche gocce per decongestionare il naso (attenzione, però, a non somministrarle ai bambini al di sotto dei 12 anni), lo sciroppo per la tosse o le pastiglie per lenire l’infiammazione alla gola.

No agli antibiotici: l’influenza è di natura virale e non batterica, quindi gli antibiotici sono del tutto inutili e vanno assunti solo se prescritti espressamente dal medico.

Cosa deve fare una mamma?

A questo punto, qualche consiglio da mamma a mamma per curare il bambino che ha l'influenza:

  • Farlo riposare: non bisogna avere fretta di rimandarlo a scuola perché la convalescenza è molto importante per garantire una buona ripresa;

  • non costringerlo a mangiare se non ne ha voglia: non si sciuperà! Importatissimo, invece, farlo bere: acqua, latte, succo d'arancia;

  • farlo dormire quando vuole: una preoccupazione frequente tra le mamme di bambini piuttosto piccoli e che si sfasi la routine del sonno se dorme troppo durante il giorno. Niente paura: qualche giorno di febbre non cambierà le abitudini, dormirà di più perché non si sente bene;

  • se la febbre supera i 38° potete somministrare Tachipirina in sciroppo: attenzione al dosaggi che va rispettato scrupolosamente leggendo sulla confezione e che varia in base al peso e all'età del bambino;

  • fare lavaggi nasali con fisiologica o acqua termale se il bambino è raffreddato oppure farsi consigliare dal pediatra delle gocce adatte ai bambini (ad esempio Argotone 0-12);

  • la mattina sciogliere del miele nel latte caldo che aiuta a decongestionare la gola e a sciogliere il muco;

  • non coprirlo troppo;

  • aerare più volte la sua cameretta e le stanze dove risiede;

  • fargli lavare tante volte le mani e il viso;

  • cogliere l'occasione per fargli tante coccole!

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.