Mamme a 40 anni

30/06/2010

mamme a anniLe donne di 40 anni oggi vivono una nuova giovinezza. Sono bellissime, in forma, in carriera, hanno raggiunto un grado di serenità e sicurezza personale ed emotiva che non ha eguali nella storia femminile.

Oggi sono sempre più numerose le donne che, per un motivo o per un altro, diventano mamme a 40 anni.

Il desiderio di maternità non ha età e, infatti le gravidanze tardive sono sempre più numerose, soprattutto nei Paesi dell’Occidente industrializzato.

Basti pensare che dal 1991 al 2001 è aumentato del 36% il numero di donne che ha avuto il primo figlio tra i 35 ed i 39 anni.

Ed un vero e proprio boom è stato registrato nella fascia 40/44 anni con un aumento delle gravidanze del 70%

Ovvio, oggi si va via di casa tardi, si trova lavoro a 30 anni e la maggior parte delle coppie inizia a pensare di avere un figlio intorno ai 32 anni. Inoltre, complice il fatto che le donne a 40 anni hanno un fisico da ragazzine, l’idea che serpeggia è che anche e 40 anni c’è sempre tempo per decidersi.

Ma non è proprio così: nulla è cambiato nella biologia dell’organismo femminile e l’orologio biologico scandisce il tempo che passa esattamente come è sempre stato.

Gli esperti concordano: l’età giusta per avere un figlio rimane quella tra i 25 ed i 35 anni; superata questa soglia i rischi inevitabilmente aumentano, anche a causa dell’avvicinarsi della menopausa.

Le donne a 40 anni presentano una difficoltà maggiore di rimanere incinte, a causa del parziale esaurimento dei follicoli e della riduzione delle secrezioni ormonali.

Inoltre, con il passare degli anni peggiora la vascolarizzazione uterina e quindi aumenta il rischio di anomalie dell'embrione e di aborti spontanei, nonché il rischio che il bambino presenti delle malformazioni congenite.

Eppure i motivi per approcciare a una gravidanza tardiva con maggiore serenità rispetto al passato ci sono eccome: gli esami di diagnosi prenatale hanno significativamente ridotto il rischio di morte sia della madre che del bambino ed hanno anche offerto ai genitori la possibilità di conoscere in anticipo l'eventualità di anomalie cromosomiche (l’amniocentesi è gratuita per le over 35).

Inoltre aver condotto la propria vita nel pieno rispetto dei propri tempi farà sì che la maternità venga vissuta pienamente e con serenità.

Una gravidanza tardiva necessita di qualche accorgimento in più, soprattutto legato all’alimentazione (che deve essere sana ed equilibrata per prevenire disturbi come l’ipertensione o l’intolleranza al glucosio) e al peso.

 

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.