come allattare di notte

Le dritte per organizzarsi per allattare di notte

23/11/2016

Quando il bambino ha poche settimane di vita ha bisogno di essere allattato al seno anche di notte. L'allattamento è a richiesta e a volte si sveglia anche dopo sole due ore piangendo perché vuole il seno della mamma. Naturalmente può essere parecchio faticoso e stressante svegliarsi con così tanta frequenza per allattare il bebè, soprattutto se si è scelto di farlo dormire nella sua culla. Tutte le mamme che ci sono passate sanno quanto sia terribile essere svegliate dopo sole due/tre ore nel cuore della notte quando si era appena entrate nella fase profonda del sonno. E allora come fare per allattare di notte al minimo dello stress e al massimo dell'organizzazione?

Ecco alcuni consigli utili per gestire l'allattamento al seno di notte.

Allattamento notturno del neonato

All'inizio può essere parecchio scioccante rendersi conto che ogni attività, anche il sonno, può essere interrotta 24 ore su 24 dalla chiamata del bambino che ha bisogno di essere attaccato al seno. Potrebbe consolarci il pensiero che l'allattamento notturno è molto importante perché proprio di notte il corpo produce più prolattina, cioè l'ormone che stimola la produzione di latte, e quindi allattare di notte aiuta a mantenere alta la quantità di latte prodotta.

Possiamo renderci la vita un po' più semplice durante la notte:

Dormire mentre si allatta

Molte mamme, arrivate ad un certo punto, sono talmente abituate ad allattare di notte che praticamente nemmeno si svegliano. Al primo cenno del bambino lo attaccano rapidamente e continuano a dormire placidamente. Impossibile? In realtà no. Se l'allattamento si è instaurato bene e prosegue serenamente, se abbiamo capito in che posizione attaccare il bambino e non soffriamo di dolore o fastidio è possibile allattare mentre si dorme. E' importante indossare una camicia da notte per l'allattamento che può essere aperta facilmente in pochi secondi e mettersi in poche mosse nella giusta posizione, quella più comoda per entrambi e ovviamente sicura per il bambino.

E, come consigliato prima, quindi è importante allenarsi sin dai primi giorni ad allattare stando sdraiate.

Come smettere di allattare di notte

Ovviamente questi consigli sono ben accetti da tutte le mamme che stanno allattando con serenità e che intendono farlo più a lungo possibile, ma ad un certo punto praticamente tutte (quelle che allattano al seno, ma anche quelle che si svegliano alle 4 del mattino e devono preparare il biberon) si domandano: Ma quando dormirà tutta la notte? Quand'è che smetterà di mangiare anche di notte? Posso interrompere l'allattamento?

Tutti i bambini ad un certo punto magicamente non si svegliano più di notte e riposano sei/sette ore di fila. Una bella mattina vi sveglierete con un seno traboccante di latte. Nel frattempo riposate il più possibile durante il giorno.

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.