come vestire i bambini d inverno

Come vestire i bambini d'inverno

29/11/2017

Quando si vestono i bambini nei mesi invernali si cerca sempre di far sì che non prendano freddo, che non sudino troppo, che possano sentirsi liberi di muoversi senza costrizioni. Apparentemente l’impresa di vestire i bambini in inverno può sembrare difficile, ma se si fissano dei punti di riferimento ci si può districare meglio:

Antonio Pezzano, consigliere della Fmsi (federazione Medici sportivi italiani) spiega che quando fa freddo il bambino non va coperto più degli adulti, va vestito a cipolla in modo da potersi coprire e alleggerirsi in base al cambio di temperatura (ad esempio quando si entra in un locale chiuso e climatizzato).

I pediatri dell'ospedale Bambino Gesù di Roma ricordano che negli ambienti chiusi è più facile che i virus proliferino, con conseguente aumento del rischio di essere contagiati dall’influenza stagionale e altre malattie di stagione. Non c’è dubbio che le basse temperature favoriscano le infezioni respiratorie, ma è altresì vero che all’interno di ambienti chiusi è più facile che i virus si diffondano attraverso starnuti, colpi di tosse e il contatto con oggetti che sono stati manipolati da persone malate.

Antonino Reale, responsabile del pronto soccorso ed emergenza del Bambino Gesù, invita i genitori a coprire bene i bambini - vestendoli a cipolla in modo che possano alleggerirsi quando entrano in ambienti più caldi e indossando guanti e cappello per evitare la dispersione termica attraverso le estremità del corpo - e ad uscire fuori di casa.

La passeggiata quotidiana fa bene al neonato anche quando fa freddo, l'importante è garantire al bambino un ambiente confortevole: il piccolo non può muoversi e quindi sentirà ancora più freddo. Va sistemato nella carrozzina e coperto con cappottina, coperte, se fa molto freddo va coperto con una tutona imbottita e cappellino.

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.