come dire che babbo natale non esiste

Come dire ai bambini che Babbo Natale non esiste

29/10/2016

Intorno agli otto anni i bambini cominciano a dubitare dell’esistenza di Babbo Natale. Può essere davvero possibile che un vecchietto in sovrappeso con la barba bianca porti i regali nel giro di una sola notte munito si slitta e renne? E allora come dire che Babbo Natale non esiste?

Le domande, scomode, imbarazzanti e per certi versi tristi, per noi genitori sono dietro l’angolo. Vorremmo preservare l’infanzia dei bambini più a lungo possibile e scoprire che Babbo Natale non esiste è una delle più grandi delusioni dell’infanzia.

All’inizio, quando cominciano a manifestarsi i primi dubbi ma in realtà il bambino ci crede ancora, si può provare a dribblare l’argomento offrendo risposte suggestive - "Babbo Natale riesce a girare tutto il mondo in una sola notte perché è un po’ come un super eroe" - oppure seminando qualche indizio della sua presenza - i biscotti lasciati per lui sul mobile che spariscono dopo l’arrivo dei regali, oppure un cappello rosso dimenticato fuori al terrazzo nella fretta di salire sulla slitta.

L’importante, precisano gli psicologi, è non mentire (pena un crescente senso di sfiducia che il bambino proverebbe verso i genitori) e ammettere l’esistenza di Babbo Natale quando è chiaro che, ormai, il piccolo non ci crede più.

L’ideale sarebbe assecondare le sensazioni e le esigenze del bambino. Forse qualche compagno di scuola gli ha detto che Babbo Natale non esiste e lui lo chiede a voi, ma dentro di sé vuole crederci. “Mamma, Babbo Natale non esiste?”, non rispondete subito, rivolgetegli la stessa domanda e saggiate le sue reazioni.

Spesso i bambini idealizzano la figura di Babbo Natale, i primi dubbi cominciano ad insinuarsi, ma nel loro profondo vogliono ancora crederci, per voglia di magia, per sentirsi ancora piccoli, perché la sola idea di Babbo Natale è rassicurante. L’importante è comprendere quale sia la fase che il bambino sta attraversando e mostrarsi comprensivi e accoglienti con il bambino.

E se ormai il bambino sa che Babbo Natale non esiste?

Inutile insistere e negare l’evidenza. Se le domande del bambino si fanno insistenti e comincia a mostrare un certo realismo, se fa domande dirette e vi rendete conto che ormai il tempo di Babbo Natale è finito siate sinceri e con dolcezza sottolineate quanto in realtà Babbo Natale siano tutte le persone che amate e che vi amano e che a Natale scelgono un regalo solo per voi.

Il primo Natale senza Babbo Natale può essere molto triste per i bambini. Per questo è importante creare comunque la magica atmosfera dell’arrivo dei regali - magari mettendoli sotto all’albero tutti insieme proprio come quando a portarli era Babbo Natale - o scegliendo insieme ai bambini le musiche natalizie da ascoltare, accendendo insieme le candele, preparando i dolci e i biscotti e godendo il più possibile del momento dello scambio dei doni.

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.