come scegliere le prime scarpe

Come scegliere le prime scarpe

Come scegliere le prime scarpe per il bambino? I primi passi di un bambino rappresentano uno dei ricordi più teneri legati alla sua crescita; sinonimo di indipendenza e intraprendenza, segnano uno dei traguardi più importanti e i genitori li attendono con ansia! Ecco qualche consiglio pratico su come fare l'acquisto giusto.

Scarpe primi passi, quando metterle

Spesso i primi passi si muovono ancora scalzi, anche perché finché il bambino non cammina davvero è inutile fargli indossare le scarpe, ma anzi lasciarlo scalzo lo aiuterà a sentirsi più sicuro nei suoi primi tentativi e anche dopo camminare a piedi nudi aiuterà lo sviluppo corretto del piede.

Ma quando il nostro campione avrà imparato a mettere un piede dietro l’altro e vorrà lanciarsi in nuove avventure, ecco allora che la scelta delle scarpe giuste diventa importante. 

Come devono essere le scarpe primi passi

Ecco alcune cose da tnere in considerazione quando si fa questo acquisto così importante:

  • giusta misura: il piede deve avere lo spazio corretto per muoversi in maniera adeguata. Se le scarpe sono troppo strette il piede non può appoggiarsi nel giusto modo al pavimento e le dita saranno troppe costrette. Se al contrario invece le scarpe sono troppo larghe il bambino non avrà quella sensazione di stabilità che gli serve per sentirsi sicuro e continuare a provare. Fatevi aiutare dalla commessa del negozio per individuare il numero giusto
  • giusta forma: le scarpe devono essere più ampie davanti e più strette sul tallone, questo per far si che le dita stiano larghe e possano muoversi e far presa sulla suola ma che il tallone sia ben fermo. Assolutamente no alle scarpe a punta che stritolano le dita.
  • rinforzo sul tallone: anche d’estate il tallone deve essere ben fermo e sostenuto dalla scarpa. Fino a due anni è assolutamente sconsigliabile utilizzare scarpine che siano aperte dietro come sandali e infradito. Importante anche scegliere l’altezza giusta del sostegno della caviglia, cosi come è sconsigliabile che sia troppo basso, altrettanto non deve essere troppo alto perché impedirebbe al bambino i naturali e necessari movimenti.

Le migliori scarpe primi passi

Che siano Balducci, Chicco, Primigi o altre marche di questo tipo è importante che le scarpe per muovere i primi passi siano di qualità: fare economia sulle prime scarpine non è raccomandabile. D’altronde per un bambino sono sufficienti uno o due paia di scarpe perciò è bene che queste siano di una certa fattura. Gli elementi importanti sono il materiale che deve essere traspirante, deve avere l’interno in cuoio e deve essere morbida. Una scarpa troppo rigida rende ulteriormente difficile e stancante il duro mestiere di imparare a camminare.

Solo quando sarà più grande potremo comprare scarpe da ginnastica e sneakers meno costose e più alla moda.

Prime scarpe per camminare

Le scarpe nei primi anni di vita devono assecondare la crescita del piede: il piede dei bambini, come tutto il suo corpo del resto, crescono alla velocità della luce (ecco anche perché è inutile comprare molte paia di scarpe tutte insieme). E quindi fondamentale che man mano che il piede cresce le scarpe vengano cambiate e adeguate al nuovo numero, considerando che indicativamente tre e i sei anni i piedi cambiano due o tre misure all’anno mentre quando si tratta di bambini piccolissimi la misura può cambiare anche dopo un mese e mezzo o due.

Vi sconsiglio vivamente di comprare delle scarpe di una misura più grande con l'idea che così dureranno di più: è vero che il piedino cresce rapidamente ma è anche vero che le prime scarpe sono fondamentali per assicurare una crescita corretta e aiutare il bimbo nei suoi primi passi, quindi è fondamentale comprarle della giusta misura, per non farlo cadere o inciampare.

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.