come vestire i bambini in estate

Come vestire i bambini in estate

25/05/2017

Sentirà troppo caldo? Non starà troppo leggero? I dubbi che investono le mamme d’estate sono gli stessi dell’inverno, come lo sono i timori che un colpo di freddo (o di calore) possa arrecare qualche danno alla salute del piccolo. E allora ecco come vestire i bambini in estate.

Libertà e freschezza, con un occhio agli spifferi. Potrebbe essere questo il consiglio definitivo in materia di abbigliamento estivo. I bambini finalmente possono sentirsi liberi da canottiere, pullover pesanti, scarpe chiuse e giocare in maggiore libertà e senza il timore di sentirsi impacciati o di sudare.

I capi irrinunciabili dell’estate sono:

  • canottiere smanicate
  • pantaloncini
  • abitini leggeri
  • sandali
  • maglioncini di filo o felpe di cotone
  • cappellini con visiera

e per i neonati:

  • body in cotone leggero
  • pagliaccetti
  • calzini di cotone
  • copertina di filo
  • cappellini

In generale è meglio scegliere indumenti in fibra naturale (cotone, lino, seta) che fanno traspirare bene la pelle e non fanno ristagnare il sudore.

E’ bene portare con sé sempre un golfino o una maglietta a maniche lunghe perché ciò che fa favorisce l’insorgenza di raffreddori d’estate e malanni fuori stagione sono gli sbalzi di temperatura tra caldo e freddo (rischio che si corre, ad esempio, entrando in un supermercato dove c’è l’aria condizionata).

Per evitare che il bambino sudi eccessivamente, il che può aumentare il rischio di sudamina (un’irritazione della pelle causata dall’ostruzione delle ghiandole sudoripare) lo si dovrebbe lasciare libero il più possibile da vestiti pesanti e favorire la respirazione della pelle. Buona consuetudine sarebbe, anche, lasciare il piccolo libero dal pannolino, per evitare che il calore possa causare la 'dermatite da pannolino'.

Quando togliere il body ai neonati

Arrivate agli inizi dell’estate le mamme cominciano a chiedersi: posso togliere la canottiera (o il body) o è una mossa azzardata? La risposta è: dipende. Innanzitutto dalla temperatura.

Se l’estate è davvero inoltrata e la temperatura si aggira stabilmente sui 30 gradi la canottiera può anche essere tolta, se invece la temperatura non si è ancora stabilizzata allora meglio rimandare ancora un po’ perché la canottiera protegge dagli spifferi di aria fredda che colpiscono stomaco, bronchi e reni. Attenzione a cambiare la maglietta se il piccolo ha sudato molto per evitare che il sudore si asciughi addosso e favorisca l’insorgenza di un malanno da raffreddamento.

Come vestire un neonato in estate di notte

Personalmente quando faceva caldo e non usavo i condizionatori o i ventilatori vestivo i miei bambini con dei pagliaccetti di cotone smanicati: braccia e gambe nude, magari dei piccoli calzini in contone molto leggeri e il pannolino.

Se invece usate dei sistemi per rinfrescare l'aria tenete conto che è impossibile pensare che il neonato resti coperto con un lenzuolino quindi è meglio mettergli un pigiamino di cotone lungo con piedini coperti. E fate attenzione a che il getto dell'aria fredda non finisca sulla culletta.

Il colpo di calore

E’ altresì importante non farsi prendere dal timore che il bambino prenda freddo: in estate il colpo di calore è dietro l’angolo e può arrecare seri danni alla salute del bambino.

I bambini non hanno ancora maturato una corretta capacità di disperdere il calore quindi possono andare incontro con maggiore facilità al colpo di calore. Per proteggere i bambini da questo rischio è bene vestirli con abiti leggeri di colore chiaro, mettergli cappelli con visiera, evitare di fargli fare attività fisica nelle ore più calde della giornata e facendoli bere molto (spesso i bambini, presi dalle loro entusiasmanti attività, non bevono e non sentono l’esigenza di farlo).

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.