disidratazione nei bambini

Disidratazione nei bambini

22/06/2017

Il grande caldo è arrivato e il rischio disidratazione nei bambini è in agguato, così come per le categorie considerate a rischio, compresi anziani e donne in gravidanza.

I sintomi della disidratazione

I sintomi della disidratazione sono ben riconoscibili:

  • i primi sono irrequietezza
  •  perdita di attenzione
  • fino ad arrivare alla nausea e al vomito 
  • addirittura svenimento.

Siamo abituati a bere quando ci sentiamo assetati, in realtà in quel momento siamo già oltre la soglia di idratazione necessaria al nostro corpo per stare bene. Inoltre, a causa del caldo - a volte eccessivo e improvviso - il sudore contribuisce a disidratare il corpo portando via anche tutta una serie di sali minerali fondamentali.

La perdita dei liquidi non è da sottovalutare, spiega Marcello Giovannini, presidente della Società Italiana di Nutrizione Pediatrica per possono influire negativamente sulle prestazioni fisiche e mentali, sull’appetito, sull’umore e sul ritmo di sonno e veglia. Inoltre una disidratazione può causare cefalea e aumento della frequenza respiratoria.

Ecco perché l’acqua è così importante per tutti, soprattutto per i bambini che non sono ancora in grado di controllare la quantità di liquidi persi e reintrodotti attraverso le bevande e non hanno il senso della sete sviluppato come quello degli adulti.

Per questo è molto importante invitare spesso i bambini a bere durate la giornata offrendo loro dell’acqua (da tenere sempre a portata di mano).

Prevenire la disidratazione nei bambini

Prevenire la disidratazione è importante, soprattutto per i più piccini. A questo scopo, il Ministero della Salute fornisce alcune indicazioni molto importanti che vanno dall’abbigliamento - che deve essere leggero e di tessuti naturali per far traspirare meglio la pelle - all’alimentazione - che deve prevedere cibi leggeri e assunti più frequentemente.

Altre indicazioni riguardano le ore in cui si consiglia di non uscire di casa (dalle 11:00 alle 18:00), la temperatura ideale degli ambienti che deve essere compresa tra 24 e 26 gradi e la necessità di bere almeno due litri di acqua al giorno, anche se non se ne sente il bisogno, evitando bibite gassate e liquidi troppo freddi.

Per quel che riguarda i bambini in particolare, non dimenticare di proteggerli durante le passeggiate utilizzando occhiali da sole, cappellino ed eventualmente creme solari con fattore protettivo 50 e prima di intraprendere un viaggio in macchina - anche se breve - prima di salire aprire gli sportelli, e rinfrescare l’ambiente con l’aria condizionata. Fare inoltre attenzione che i seggiolini dei bambini non siano bollenti se la macchina è stata lasciata sotto al sole.

Cosa mangiare quando fa caldo?

In caso di caldo eccessivo, bisogna offrire ai bambini una dieta ricca di potassio e magnesio, sostanze preziose di cui sono ricchi frutta e verdura soprattutto banane, albicocche, mandorle, e insalata. Attenzione ai cibi salati che fanno venire sete ma che in realtà 'assorbono' l’acqua introdotta senza lasciarla a disposizione dell’organismo.

E’ importante inoltre preparare dei cibi facilmente digeribili, come il pesce, poiché la digestione con il caldo diventa più difficile.

Spesso il caldo può causare inappetenza: forzare i bambini a magiare è inutile. Piuttosto si può provare a variare spesso il menù in modo da offrire loro sempre cibi diversi fino a trovare quello che maggiormente preferiscono in questo periodo dell’anno.

Disidratazione nei bambini e diarrea

La diarrea è causata spesso da rotavirus ed altri virus che colpiscono l'apparato gastrointestinale.

Cosa fare?

  • Se il bambino ha meno di 8 scariche al giorno per meno di 5 giorni: farlo bere molto per evitare il rischio di disidratazione, non forzarlo a mangiare ma proponendo pietanze leggere che gli piacciono
  • Se le scariche sono più numerose e durano da più di 5 giorni è bene chiamare il pediatra

Cosa far mangiare al bambino che ha una gastroenterite?

Quello che più gradisce, purché sia semplice e leggero: pizza bianca, pasta al pomodoro, riso, pasta in bianco, marmellata, miele. E tanta acqua, ma se ha vomitato a piccoli sorsi.

Soluzioni reidratanti orali per bambini

Quando il bambino ha un disturbo gastrointestinale o suda molto è importante reintrodurre nell'organismo i sali minerali perduti insieme ai liquidi. Per questo esistono in commercio dei sali minerali e soluzioni reidratanti, la più famosa è il Dicodral, che sembrano dei succhi di frutta e hanno il sapore all'arancia.

In realtà per la maggior parte delle volte che il bambino ha la diarrea la vera e unica terapia consiste proprio nella somministrazione di fermenti lattici adatti e di soluzioni reidratanti da proporre più volte al giorno.

 

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.