dieta della fertilita

I consigli giusti per una dieta della fertilità

11/11/2016

Quali alimenti mangiare se si vuole aumentare la propria fertilità? Quando si tratta di rimanere incinta, il vecchio adagio 'sei quello che mangi' è più vero che mai. Tutto ciò che mangiamo influisce sul nostro sangue e di conseguenza sui nostri ormoni. Gli specialisti consigliano di seguire una buona alimentazione sin da un anno prima di programmare una gravidanza, ma come si dice non è mai troppo tardi per iniziare. E allora ecco una vera dieta della fertilità, consigli utili sulla dieta per aiutare il concepimento e su cosa mangiare per restare incinta.

L'alimentazione per restare incinta

  • Bere alcol con moderazione: un bicchiere occasionale di vino o una bottiglia di birra probabilmente inficeranno le vostra probabilità di concepire. Attenzione invece se siete in attesa, poiché l'alcol può danneggiare il feto in via di sviluppo. Per evitare interferenze tra alcool e ovulazione, il momento migliore per un buon bicchiere è il primo giorno del ciclo.
  • Se però avete cicli irregolari, che rendono difficile capire qual è il reale momento dell’ovulazione, o se in generale avete problemi a concepire è meglio astenersi del tutto dall’alcool. In ogni caso la quantità massima consentita è pari ad un bicchiere.
  • Non eccedete con il caffè: sul caffè esistono diverse scuole di pensiero. Generalmente gli esperti concordano sul fatto che un moderato consumo di caffeina (meno di 300 milligrammi al giorno) non crei alcun problema dal punto di vista della fertilità. Se però avete difficoltà a concepire o state tentando la procreazione medicalmente assistita eliminare del tutto la caffeina è meglio. Se siete forti consumatori di caffè, smettere di colpo è molto difficile e può addirittura creare stati di astinenza. Meglio decrescere pian piano.

I cibi pro fertilità

  • Attenzione ai carboidrati raffinati: preferire i cereali integrali ai carboidrati raffinati è una delle prime indicazioni da dare a chi è in cerca della cicogna. La raffinazione infatti fa perdere durante il suo processo buona parte dei nutrienti, delle fibre e delle vitamine contenute nei cereali. Possono essere consumati con il latte durante la prima colazione o a pranzo per fare un buon panino. I carboidrati raffinati inoltre contengono molti zuccheri e sono quindi responsabili di picchi improvvisi di insulina nel sangue: eccessi di insulina sono responsabili dell’ovulazione irregolare.
  • Mangiate frutta e verdura: fondamentali per ogni dieta, la frutta e la verdura sono ancora più importanti quando si tratta di aiutare la fertilità. In particolare, è bene scegliere quelli dai colori vivaci, poiché si dice che più vivo è il colore, maggiore è la concentrazione di nutrienti. Cercate di consumare due porzioni di frutta e due porzioni di verdura al giorno.
  • Mangiate molto pesce: gli omega3, grassi essenziali di cui il pesce è molto ricco, sono molto importanti per una fertilità ottimale. Hanno anche molti benefici rispetto ad una gravidanza già in atto poiché proteggono dal parto pretermine, riducono il rischio di preeclampsia, proteggono dalla depressione e sono molto utili per lo sviluppo di occhi e cervello del feto. I frutti di mare, il salmone, il tonno e le sarde rappresentano la fonte migliore di omega 3 e andrebbero consumati circa due volte alla settimana.
  • Non eccedete con le proteine animali: le proteine sono fondamentali per una dieta sana, ma è importante saper bilanciare le proteine animali con quelle vegetali introducendo nella propria dieta, in sostituzione della carne, soprattutto rossa, anche i legumi, il tofu, la soia e le noci che sono in grado di aumentare la fertilità.

Infine, gli ultimi consigli sulla dieta per favorire il concepimento:

  • Fate scorta di ferro: durante la gravidanza, il bambino tende a assorbire il ferro della mamma, causandole cosi la tipica anemia gestazionale. Iniziare a farne scorta ancor prima di essere in attesa è una buona strategia. Consumate carne rossa o se siete vegetariane iniziate sin da subito ad assumere un integratore specifico.
  • Attenzione alla listeria: il batterio della listeria si può trovare nelle carni pronte al consumo, nei formaggi freschi e nel latte non pastorizzato. Le donne in dolce attesa sono particolarmente sensibili a questo batterio, e hanno circa 20 volte più probabilità di ammalarsi se vengono in contatto con questo batterio. Anche se siete ancora in cerca di una gravidanza, fate attenzione a ciò che mangiate, poiché la Listeriosi (l’infezione causata appunto dal batterio Listerai) può causare aborto spontaneo nel primo trimestre di gravidanza. Per evitarlo, è necessario cuocere i cibi ad alta temperatura ed evitare di consumare tutti i cibi che sono rimasti fuori dal frigorifero per più di due ore. E’ inoltre importante evitare il latte crudo, il pesce crudo e il latte non pastorizzato.

Ricordate che è importante che la dieta sia seguita sia dalla futura mamma che dal futuro papà, perché la giusta alimentazione influisce positivamente sia sulla fertilità maschile che su quella femminile.

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.