fototipi e creme solari come scegliere la protezione per i bambini e la famiglia

Fototipi e creme solari, come scegliere la protezione per i bambini e la famiglia

05/12/2016

Conoscere il proprio tipo di pelle è molto utile per garantirsi un’abbronzatura perfetta, senza rischi di incorrere in eritemi solari, dermatiti, scottature e ustioni ma molto più necessario per evitare tumori alla pelle e melanomi. E allora ecco tutto quel che c'è da sapere sui fototipi e creme solari, per scegliere la crema protettiva giusta con un corretto fattore di protezione per i bambini e gli adulti, per le vacanze in montagna o per quelle al mare.

Conoscere il proprio tipo di pelle è il primo passo per evitare ustioni e brutte sorprese quando il sole batte forte e siamo al mare o in montagna per le tanto attese vacanze.

E’ intuitivo: la pelle chiara ha meno difese contro l’aggressione dei raggi UVA e UVB, la pelle più scura ha maggiori difese naturali ma necessita comunque di protezione e attenzione. Individuare il proprio fototipo garantisce non solo un’estate serena ma un futuro in buona salute.

I raggi UVA e UVB sono responsabili di eritema, ustioni e degenerazioni del derma, in particolare gli UVA sembrano maggiormente correlati all’insorgere dei tumori della pelle oltre che dell’invecchiamento cutaneo. I solari attualmente in commercio proteggono ad ampio spettro dalle radiazione UV e combattono la formazione di radicali liberi, una delle maggiori cause dell’invecchiamento.

Utilizzando la suddivisione del dermatologo statunitense Thomas Fitzpatrick si riconoscono 6 fototipi differenti

fototipo

Fototipo 1

Capelli rossi o biondi, carnagione molto chiara, lattea, con lentiggini, occhi chiari, tendenza elevata alle scottature, nessuna possibilità di abbronzarsi. Sconsigliata l’esposizione al sole dalle 11 alle 15, filtri di protezione molto alt, cappello e occhiali con filtro anti UV.

fototipo

Fototipo 2

Capelli biondi, carnagione chiara, lentiggini, tendenza alle scottature, abbronzatura tenue, quasi nulla. Sconsigliata l’esposizione al sole dalle 11 alle 15, filtri di protezione alta o molto alta, cappello e occhiali con filtro anti UV.

fototipo

Fototipo 3

Capelli da biondi a castani, carnagione chiara, occhi chiari o marroni, possibili scottature, abbronzatura moderata. Filtri di protezione media o alta, occhiali con filtro anti UV.

fototipo

Fototipo 4

Capelli bruni, carnagione abbastanza scura, occhi scuri o neri, improbabili scottature, abbronzatura veloce e duratura. Filtri di protezione media, occhiali con filtro anti UV.

fototipo

Fototipo 5

Capelli neri, carnagione scura, occhi neri, rare scottature, filtri di protezione media, occhiali con filtro anti UV.

fototipo

Fototipo 6

Capelli neri, carnagione bruna, occhi neri, più che rare le scottature, filtri di protezione bassa e media, occhiali con filtro anti UV. Dopo lunghi periodi di assenza dal sole è possibile ustionarsi senza una adeguata protezione.

Da preferire i solari che schermano sia dai raggi UVA che da quelli UVB. I solari in base alla loro azione si dividono in:

  • Schermi fisici: particelle di metalli pesanti (ossidi di zinco, ferro, titanio, silicio, alluminio, talco) che garantiscono uno schermo alle radiazioni UV attraverso processi di riflessione e di diffusione delle radiazioni nocive.
  • Filtri chimici: molecole in grado di assorbire in modo selettivo le radiazioni ultraviolette.

Molti prodotti associano filtri chimici e fisici che garantisce uno spettro di fotoprotezione più ampio nella banda UVA e UVB.

Dopo l’esposizione solare è utile l’applicazione di prodotti in grado di restituire alla pelle l’idratazione e il nutrimento che ha perso e prevenire l’eritema con sostanze decongestionanti e lenitive.

bbcdef
capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.