perche halloween piace ai bambini

Halloween, perché piace tanto ai bambini?

11/10/2016
Halloween è una notte magica di feste, scherzetti e travestimenti e si festeggia il 31 ottobre. I miei bambini la adorano e la aspettano con lo stesso entusiasmo e adrenalina con i quali attendono il natale. E ogni anno mi domando come mai subiscano così tanto il fascino di questa giornata. Così mi sono ho cercato delle risposte sul perché Halloween piace tanto ai bambini.

Ecco cosa ho scoperto.

Perché ai bambini pace tanto Halloween? Per lo stesso motivo per il quale amano guardare film di paura o ascoltare storie di fantasmi. Non è che non abbiano paura, tutt'altro, ma mettono alla prova il proprio coraggio e soprattutto amano sentire l'adrenalina scorrere.

In pratica quando arriva al cervello un'informazione terrorizzante nel cervello si attivano due diversi percorsi, uno raggiunge i lobi frontali che razionalizzano lo stimolo pauroso ed irrazionale, l'altro raggiunge l'amigdala e fa sì che il cervello rilasci circa trenta ormoni diversi nel giro di pochi secondi che portano ad uno stato di allerta.

Ora, quel che accade è che il primo stimolo – quello che ci porta a razionalizzare – è più lento, mentre quello nell'amigdala è più rapido, è istintivo, perché legato alla pura sopravvivenza. Il nostro organismo risponde ad uno stimolo di paura con delle vere e proprie reazioni fisiche, aumento dell'insulina e dei livelli di zuccheri nel sangue, aumento della frequenza respiratoria, aumento del battito cardiaco etc...

Ora, proprio questa specie di scontro tra una parte di noi che razionalizza la paura e sa consapevolmente che non c'è alcun pericolo e la parte che invece attiva una reazione potrebbe essere così affascinante e suggestiva da farci amare la paura. E per i bambini questo è ancora più vero perché i lobi frontali non sono ancora completamente sviluppati.

E a conferma che i bambini amano confrontarsi con la paura arriva uno studio dell'Università del Texas condotta dalla psicologa Jacqueline Woolley su bambini di età prescolare.

Lo studio non solo ha concluso che i bambini anche piccoli, di 3 o 4 anni, sono perfettamente in grado di distinguere la fantasia dalla realtà, leggono il contesto e lo interpretano e non subiscono alcun danno. Per questo l'esperta consiglia di lasciar travestire tranquillamente i bambini, anche molto piccoli, da strega o vampiro o zombie perché questo permette loro di sperimentare identità alternative, usando la propria immaginazione, e vestire loro stessi i panni di un personaggio che magari incute terrore.

Come festeggiare Halloween con i bambini

E allora, dopo aver “sdoganato” il valore della festa di Halloween e aver capito perché può essere così importate per i nostri bambini festeggiarla con partecipazione, eccovi qualche consiglio per viverla tutti insieme al meglio possibile.

  • Travestirsi ad Halloween con i bambini: ok, non è che ogni anno possiamo comprare l'ennesimo vestito da scheletro fluo o da vampiro, una volta potremmo optare per qualcosa fatto in casa, in fondo basta una tuta nera, un mantello e un bel trucco fatto a regola d'arte sul viso. Attenzione ai trucchi e ai cosmetici utilizzati: compriamo e usiamo solo trucchi con colori di origine vegetale e alimentare, oppure acquistiamo trucchi che vengono prodotti espressamente per il teatro e gli attori. In alternativa, l’ideale è acquistare rossetti ed altri trucchi in farmacia. Adoro questo semplice make up da vampiro per bambino.

Vi propongo il video tutorial per fare un trucco da vampiro

 

  • Raccontare ai bambini le origini di Halloween: alla fine tutto si riduce ad un gran baccano, al Docletto o Scherzetto e al travestimento all'ultima moda, ma in realtà potremmo cogliere l'occasione per raccontare ai bambini della storia di Halloween e del suo più antico significato. Qual è? L'ho scoperto leggendo Irlandando, un sito per veri appassionati della verde Erin: Questa festa amata da grandi e piccini affonda le sue radici nella storia celtica e che da secoli è tradizione negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Irlanda e in Canada, che si sta diffondendo sempre di più anche in Italia. Il 31 di ottobre gli antichi celti, popolo di pastori e coltivatori, celebrava il suo Capodanno (Shamain), l'estate finiva, i frutti e la natura si spegneva e iniziava l'inverno. Proprio in questa notte i Celti credevano che i morti uscissero dalla terra dove erano sepolti e vagassero per la Terra del tutto indisturbati. L'unico modo per esorcizzare gli spiriti era quello di accedere fuochi nella notte, indossare grottesche maschere, compiere sacrifici animali e vagare per i campi alla luce delle lanterne indossando le pelli degli animali sacrificati.
  • Intagliate una zucca (o in alternativa, commissionatela!): acquistate una bella zucca arancione e intagliatela insieme ai vostri bambini oppure se non avete tempo o materia potreste sempre commissionarla al vostro negoziante di frutta e verdura di fiducia!
La zucca intagliata - Jack O’ Lantern - è il simbolo universale di Halloween e deriva da una leggenda che narra l'incontro fra un uomo e il diavolo.

Un irlandese ubriaco di nome 'Stingy Jack' vendette l'anima al diavolo per pagare i suoi debiti di gioco. Lo incontrò nella notte di Halloween e gli offrì da bere. Il diavolo accettò a condizione che Jack pagasse. Dopo aver bevuto Jack mise in dubbio che il diavolo fosse in grado di trasformarsi in qualsiasi cosa volesse. In questo modo lo imbrogliò e lo fece trasformare in una moneta per pagare la bevanda. Prima che il diavolo riuscisse a riprendere la sua forma normale Jack prese la moneta e la mise in tasca vicino alla croce d'argento per impedirgli di ritornare come prima. Per liberarsi il diavolo fece un accordo, promettendo a Jack che l'avrebbe lasciato in pace per un anno se lo avesse liberato, ma l'anno dopo Jack morì. Gli fu negato l'accesso al paradiso, e all'inferno il diavolo, furioso della sconfitta subita, gli impedì l'accesso al regno delle tenebre e lo spedì sulla terra a peregrinare come un' anima in pena poiché l'aveva ingannato. Jack ottenne dal diavolo il dono di un carbone ardente che avrebbe dovuto illuminare la sua strada. Per farlo durare il più a lungo possibile, Jack mise il tizzone in una rapa che stava mangiando. La rapa è poi stata sostituita nei secoli dalla zucca, più abbondante, dando vita alla famosa tradizione.

Come realizzare la zucca di Halloween

  1. Scegliete la zucca della dimensione che volete e togliete il cappello superiore sino al picciolo. Il buco deve essere sufficientemente grande da consentirvi di infilare la mani per svuotarla.
  2. Raschiate le pareti interne con un coltello e asciugatele sia internamente che esternamente.
  3. Con un pennarello nero, disegnate occhio, bocca e naso e usate un coltellino piccolo con la lama affilata per tagliare le forme del viso della vostra zucca.
  4. Mettetela in una busta di plastica e lasciatela riposare una o due notti.

Quando sarà pronta inserite la candelina accesa al suo interno, chiudete la zucca con la sua calotta e... Buon Halloween!

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.