come festeggiare halloween con i bambini

Come festeggiare Halloween con i bambini

Anche i vostri bambini amano Halloween e non vedono l'ora di vivere questa giornata speciale all'insegna dei mostri e dei dolcetti? Ecco come festeggiare Halloween con i bambini e magari provare a divertirci anche noi grandi.

Travestirsi ad Halloween con i bambini

Ok, non è che ogni anno possiamo comprare l'ennesimo vestito da scheletro fluo o da vampiro, una volta potremmo optare per qualcosa fatto in casa, in fondo basta una tuta nera, un mantello e un bel trucco fatto a regola d'arte sul viso. Attenzione ai trucchi e ai cosmetici utilizzati: compriamo e usiamo solo trucchi con colori di origine vegetale e alimentare, oppure acquistiamo trucchi che vengono prodotti espressamente per il teatro e gli attori. In alternativa, l’ideale è acquistare rossetti ed altri trucchi in farmacia.

A fornire qualche indicazione è Riccarda Serri, presidente di Skineco, Associazione internazionale di eco dermatologia che ricorda: i prodotti low cost possono contenere colori non ammessi e sostanze tossiche potenzialmente pericolose soprattutto per la pelle dei bambini, estremamente delicata.

  • Come prevenire i rischi?

Meglio utilizzare trucchi con colori di origine vegetale e alimentare, oppure acquistare trucchi che vengono prodotti espressamente per il teatro e gli attori. In alternativa, l’ideale è acquistare rossetti ed altri trucchi in farmacia. Insomma, l’imperativo è non risparmiare sulla pelle dei bambini, precisa l’esperta.

  • E per chi decide di fare il trucco in casa?

L’esperta è d’accordo:

i colori fatti in casa, e parlo anche per esperienza personale, possono venire molto bene. Il problema è che in mancanza di 'fissatore' rischiano di sciogliersi dopo poco tempo, con grande delusione del piccolo vampiro

E per essere sicuri che il prodotto non provochi allergie, è bene applicare una piccola porzione di trucco dietro l’orecchio del bambino e attendere qualche minuto per verificare la comparsa di una qualche reazione. Assolutamente vietato il trucco in viso,soprattutto per chi soffre di allergie, dermatiti, allergia al nichel. In ogni caso mai dipingere troppo la faccia e mai intorno agli occhi. E alla fine della festa, per togliere il trucco, si può usare dell'acqua micellare ipoallergenica.

Vi propongo il video tutorial per fare un trucco da vampiro

 

Raccontare ai bambini le origini di Halloween

Alla fine tutto si riduce ad un gran baccano, al Dolcetto o Scherzetto e al travestimento all'ultima moda, ma in realtà potremmo cogliere l'occasione per raccontare ai bambini della storia di Halloween e del suo più antico significato. Qual è?

L'ho scoperto leggendo Irlandando, un sito per veri appassionati della verde Erin: Questa festa amata da grandi e piccini affonda le sue radici nella storia celtica e che da secoli è tradizione negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Irlanda e in Canada, che si sta diffondendo sempre di più anche in Italia. Il 31 di ottobre gli antichi celti, popolo di pastori e coltivatori, celebrava il suo Capodanno (Shamain), l'estate finiva, i frutti e la natura si spegneva e iniziava l'inverno. Proprio in questa notte i Celti credevano che i morti uscissero dalla terra dove erano sepolti e vagassero per la Terra del tutto indisturbati. L'unico modo per esorcizzare gli spiriti era quello di accedere fuochi nella notte, indossare grottesche maschere, compiere sacrifici animali e vagare per i campi alla luce delle lanterne indossando le pelli degli animali sacrificati.

Intagliate una zucca

O in alternativa, commissionatela!: acquistate una bella zucca arancione e intagliatela insieme ai vostri bambini oppure se non avete tempo o materia potreste sempre commissionarla al vostro negoziante di frutta e verdura di fiducia!

La zucca intagliata - Jack O’ Lantern - è il simbolo universale di Halloween e deriva da una leggenda che narra l'incontro fra un uomo e il diavolo.

Un irlandese ubriaco di nome 'Stingy Jack' vendette l'anima al diavolo per pagare i suoi debiti di gioco. Lo incontrò nella notte di Halloween e gli offrì da bere. Il diavolo accettò a condizione che Jack pagasse. Dopo aver bevuto Jack mise in dubbio che il diavolo fosse in grado di trasformarsi in qualsiasi cosa volesse. In questo modo lo imbrogliò e lo fece trasformare in una moneta per pagare la bevanda. Prima che il diavolo riuscisse a riprendere la sua forma normale Jack prese la moneta e la mise in tasca vicino alla croce d'argento per impedirgli di ritornare come prima. Per liberarsi il diavolo fece un accordo, promettendo a Jack che l'avrebbe lasciato in pace per un anno se lo avesse liberato, ma l'anno dopo Jack morì. Gli fu negato l'accesso al paradiso, e all'inferno il diavolo, furioso della sconfitta subita, gli impedì l'accesso al regno delle tenebre e lo spedì sulla terra a peregrinare come un' anima in pena poiché l'aveva ingannato. Jack ottenne dal diavolo il dono di un carbone ardente che avrebbe dovuto illuminare la sua strada. Per farlo durare il più a lungo possibile, Jack mise il tizzone in una rapa che stava mangiando. La rapa è poi stata sostituita nei secoli dalla zucca, più abbondante, dando vita alla famosa tradizione.

Come realizzare la zucca di Halloween

  1. Scegliete la zucca della dimensione che volete e togliete il cappello superiore sino al picciolo. Il buco deve essere sufficientemente grande da consentirvi di infilare la mani per svuotarla.
  2. Raschiate le pareti interne con un coltello e asciugatele sia internamente che esternamente.
  3. Con un pennarello nero, disegnate occhio, bocca e naso e usate un coltellino piccolo con la lama affilata per tagliare le forme del viso della vostra zucca.
  4. Mettetela in una busta di plastica e lasciatela riposare una o due notti.
  5. Quando sarà pronta inserite la candelina accesa al suo interno, chiudete la zucca con la sua calotta e... Buon Halloween!

I consigli degli esperti per vivere Halloween in sicurezza

  • Allergie: allergie ai trucchi, che devono essere di sicura provenienza e produzione e devono essere testati su una piccola porzione di pelle, per verificare che non si presentino reazioni allergiche; anche i cibi possono provocare allergie, ad esempio gli additivi e gli ingredienti contenuti nei dolcetti di produzione industriale o nei mostruosi cupcake preparati dalla mamma dell’amichetto: se il bimbo è allergico a noccioline, mandorle, uovo o latte, meglio responsabilizzarlo sull’importanza di non mangiare cibi dei cui ingredienti non è sicuro. Inoltre attenzione a non esagerare con il consumo di liquirizia nera perché potrebbe abbassare i livelli di potassio.
  • Costumi e travestimenti: attenzione ai costumi che nascondono potenziali pericoli, come laccetti, bottoni troppo piccoli che possono soffocare i bambini, ma occhio anche ai costumi troppo lunghi o alle maschere che 'scoloriscono' il colore sulla pelle o non fanno respirare e vedere bene
  • Virus e altri disturbi: meglio evitare di organizzare il tradizionale gioco dell’'acchiappa-mela' perché la saliva e il contatto ravvicinato tra le persone è il principale veicolo di trasmissione di virus e batteri.
  • Gelatina: la gelatina non è un allergene molto comune ma una ricerca pubblicata sugli Annals of Allergy, Asthma and Immunology ha mostrato che spesso caramelle gommose e altri dolcetti ne contengono una certa quantità.
  • Nickel: l’allergia al nickel, invece, è tra le più diffuse allergie che provocano dermatiti da contatto. Attenzione ad accessori e gioiellini, cinture e spade che accompagnano i costumi perché  possono contenere nickel e provocare irritazione alla pelle.

Dolcetto o scherzetto?

Come evitare un’overdose di junk food e consentire comunque ai bambini di festeggiare Halloween e di fare 'dolcetto o scherzetto'?

Si potrebbe, ad esempio, sostituire il dolcetto o la caramella con dei piccoli giochini, degli stickers o delle matite colorate. Oppure snack a base di frutta biologica con yogurt e cereali, o anche le mele. Frutto autunnale e invernale per eccellenza, la mela si presta ad una miriade di preparazioni.

Biscotti alla mela, fette di tortine impacchettate in carta colorata o molto paurosa, mele decorate o candite. Ma una valida alternativa è rappresentata anche da simpatiche mini bustine personalizzate piene di piccoli pezzi di cioccolato fondente passato nel mixer, noci, uva passa, e anche qualche caramella.

E cosa fare se i bambini vogliono assolutamente le caramelle di Halloween? Fissate delle regole. Non è necessario mangiare caramelle e dolcini tutto il giorno. Mettete le caramelle in una ciotola che sistemerete fuori dalla portata dei bambini e concedete una o due caramelle al giorno.

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.