igiene intima in gravidanza

Igiene intima in gravidanza

18/04/2017

Irritazioni, prurito, perdite biancastre: sono i sintomi più comuni delle infezioni femminili (come una vaginite batterica o la candida), che vanno sempre curate tempestivamente e possibilmente prevenute. Durante la gravidanza, poi, le normali condizioni vaginali possono essere alterate e si è più facilmente vulnerabili nel contrarre le infezioni. Ed è particolarmente importante curare nel modo corretto l'igiene intima in gravidanza, scegliendo i detergenti giusti.

Detergente intimo in gravidanza, quale usare

Innanzitutto curare costantemente la propria igiene intima: le operazioni di lavaggio devono essere eseguite, di solito, almeno due volte al giorno (mattina e sera), prima e dopo i rapporti sessuali e ogni volta che se ne sente esigenza.

  • Attenzione ad utilizzare prodotti appositamente studiati per detergere le parti intime (i saponi normali, infatti, sono aggressivi e alterano il delicato equilibrio di acidità vaginale, che ha un pH di circa 4-5).
  • E' importante sciacquare con abbondante acqua i residui di detergente, perché possono causare delle irritazioni. Nella fase di asciugatura il movimento corretto della mano va dalla vagina verso l'ano, e non viceversa, perché si rischierebbe di portare nell'area vaginale eventuali agenti patogeni contenuti nell'intestino e nelle feci.

Consigli pratici per una corretta igiene intima durante la gravidanza

Usare sempre indumenti intimi ad alto potere traspirante (cotone e materiali naturali, non sintetici) che consentono alla pelle di respirare: i capi troppo attillati e in fibra sintetica, infatti, sfregano sulle parti intime, favorendo la sudorazione e l'umidità, condizioni ideali per lo sviluppo di germi, di irritazioni e cistiti.

Chiedere al futuro papà di avere la stessa cura per la propria igiene intima: lavarsi ad ogni utilizzo del bagno, utilizzare un sapone intimo mattina e sera e non condividere mai lo stesso asciugamano.

Igiene intima dopo il parto

  • Dopo il parto il ginecologo può consigliare l’utilizzo di lavande vaginali: permettono pulizia profonda della vagina, consentono di riequilibrare l’equilibrio della flora vaginale e svolgono una leggera azione disinfettante.
  • Molta attenzione ai bagni pubblici: per conformazione fisica, infatti, la donna è più esposta al rischio di contrarre virus e batteri, che sono presenti in gran quantità nei servizi igienici comuni
  • Non usare i salvaslip perché impediscono la traspirazione.
capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.