tabella svezzamento

Schemi e tabella di svezzamento

25/10/2016
Fino a qualche anno fa esistevano degli schemi e una tabella per lo svezzamento estremamente dettagliate e meticolose.

Si doveva iniziare con un certo tipo di frutta in un preciso momento e poi introdurre via via tutti gli alimenti seguendo un ordine ben preciso. Questo per ridurre il rischio di allergie e aiutare il bambino ad abituarsi a sapori completamente nuovi.

Oggi questo approccio è stato abbandonato. Nessun pediatra, a meno che non sia piuttosto conservatore, vi consegnerà una tabella precisa per lo svezzamento, piuttosto vi darà qualche consiglio generale su come procedere, con quali alimenti iniziare, vi dirà come preparare la prima pappa e in quali quantità bisogna proporre.

Questo cambiamento si è reso necessario perché studi piuttosto recenti hanno scoperto che non serve a nulla, in termini di riduzione del rischio di allergie, posticipare l'introduzione di un alimento, ma che anzi introdurlo precocemente potrebbe ridurre il rischio di diventare allergici.

Cito, a questo proposito, questa pubblicazione del King's College di Londra pubblicata sul New England Journal of Medicine.

In base a queste recenti evidenze, anche gli organismi internazionali hanno rivisto le loro indicazioni, e lo stesso Ministero della Salute italiano nell'ultima versione della guida allo svezzamento non da pù tanta importanza all'ordine di introduzione degli alimenti. E allora, ecco qualche consiglio pratico su come iniziare lo svezzamento.

Tabelle svezzamento Oms

Lo svezzamento è una delle fasi più divertenti della crescita di un bambino che assaggiando cibi dai sapori nuovi esprime con 'smorfie' il suo gradimento. Insegnare a mangiare al proprio bambino, aiutarlo a sviluppare le buone abitudini alimentari e buon gusto rispetto al cibo è anche fonte di molta soddisfazione.

Lo svezzamento è anche uno dei primi passi verso l’indipendenza del nostro bebé, diventa grande, mangia cibi sempre più diversi e dall’introduzione della frutta al pranzo al ristorante il passo è più breve di ciò che sembra! L'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), ma in realtà tutte le organizzazioni internazionali che si occupano della salute dei bambini, raccomanda di proseguire con l'allattamento al seno esclusivo fino al sesto mese di vita del bambino Ciò non toglie che si possa cominciare a dare al piccolo un po' di frutta per abituarlo pian piano a consistenze diverse.

Leggi anche:
La guida di una mamma allo svezzamento

Svezzamento schema pasti

Quindi all’incirca al sesto mese di vita, per alcuni pediatri anche verso il quarto, si inizia a introdurre nell’alimentazione del bambino, fino quel momento fatta solo di latte, la frutta. In realtà, l’introduzione di cibi diversi dal latte si rende necessaria perché con il passare dei mesi, il latte non è più in grado di soddisfare tutti i bisogni nutrizionali del bambino.

A questo proposito, anche la frutta serve a poco poiché i nutrienti fondamentali da inserire nell’alimentazione sono soprattutto il ferro, lo zinco che si trovano principalmente in carne e verdura. Iniziare con la frutta ha senso principalmente per abituare il bambino al cucchiaino e un sapore diverso rispetto al latte, e da questo punto di vista il sapore dolce della frutta è più gradito ai bambini piccoli rispetto a quello della carne.

Dopo aver abituato quindi il bambino ad un cibo di consistenza diversa rispetto a quella del latte, si inizia con la prima pappa, quella di mezzogiorno. Prepararla è semplice, si riscalda il brodo di verdura e si prepara la pappa utilizzando le creme ai cereali. Dopo qualche giorno, si possono aggiungere carni bianche, poi rosse, e poi via libera a formaggio, pesce, legumi.

La vecchia regola delle nonne comunque vale sempre: aspettare qualche giorno tra un alimento e l’altro per verificare che questo venga ben tollerato sia dal punto di vista delle allergie che della digestione. Per quel che riguarda il gusto, prima di dichiarare che al bambino non piace un determinato alimento, bisogna provare a darglielo almeno dieci volte.

Per quanto riguarda l’inserimento del glutine, Andrea Vania, responsabile del Centro di Dietologia e Nutrizione Pediatrica dell'Università La Sapienza di Roma e presidente dell'ECOG (European Childhood Obesity Group), sostiene che introdurlo tardi nello svezzamento non serve ad evitare la celiachia, perciò lo si può inserire subito.

Svezzamento neonati, schema

Ecco una tabella degli alimenti che possono essere proposti ai bambini a seconda dei mesi:
  • Fino a quattro mesi: il bimbo si nutre solo di latte.
  • Dai cinque mesi: si può proporre un biscotto da succhiare e della frutta omogeneizzata.
  • Dai sei mesi: si inizia il vero e proprio svezzamento, via libera alle verdure passate, provate con i broccoli, le carote, i fagiolini, le zucchine, le patate. Potete iniziare anche a fargli assaggiare un po’ di prosciutto cotto frullato, o dell’omogeneizzato di carne bianca.
  • A sette mesi, il bimbo riesce a masticare: provate a dargli dei piccoli pezzetti di mela.
  • A otto mesi può assaggiare passati di verdura fatti con lenticchie, fagioli, cavolfiori e sedano sono i benvenuti, ma sotto forma di puree, e provare nuova frutta.
  • A nove mesi di solito è già spuntato qualche dentino, perciò potete provare a dargli cibi sempre più solidi anche se davvero sminuzzati. Potete anche inserire nella sua alimentazione la marmellata di frutta, i cereali e la frutta cruda matura. I cibi possono essere insaporiti con sedano, basilico e aglio.
  • A dieci mesi, potete procedere con tutti i cereali compresi avena, segale e orzo.
  • A undici mesi, via libera al pesce e al tuorlo dell’uovo. Per l’albume bisognerà aspettare ancora qualche mese.
  • A dodici mesi ormai il bambino dovrebbe aver assaggiato tutti gli alimenti, aver iniziato anche a farvi capire quali sono le sue preferenze in termini di gusto e può iniziare a mangiare ciò che mangiano i grandi, facendo sempre comunque attenzione ai metodi di cottura e al condimento: è bene infatti ricordare che il sale andrebbe quasi del tutto escluso dalla dieta dei più piccoli.
capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.