pesci adatti ai bambini

Quali sono i pesci adatti ai bambini

26/10/2016
Secondo le indagini condotte dai pediatri italiani i bambini italiani mangiano troppo poco pesce, alcuni solo una volta alla settimana, e invece questo prezioso alimento dovrebbe essere consumato almeno 3 volte alla settimana. Vediamo qual è il valore nutrizionale del pesce e quali sono i pesci adatti ai bambini.

Perché il pesce è così importante

Innanzitutto perché le sue caratteristiche nutrizionali ne fanno un alimento davvero importante.
Il pesce, infatti, è ricco di:

  • acqua (che ne copre circa il 60/80 percento a seconda del tipo di pesce);
  • proteine (circa il 25%) definite 'nobili' perché contengono tutti gli aminoacidi essenziali e quindi hanno un elevato valore biologico;
  • vitamine liposolubili, come la vitamina A e D, contenute soprattutto nel fegato dei pesci e negli oli di pesce, e idrosolubili, come la vitamina B6 e la B2, che si trovano nei muscoli
  • sali minerali che si trovano in una maggiore quantità nei pesci di mare
  • lipidi (i grassi) in una percentuale fino al 22% (i pesci più magri sono il merluzzo, la sogliola, la trota etc.., quelli più grassi sono il tonno, il salmone, lo sgombro…).

Ciò che rende davvero unico il pesce è proprio la tipologia dei suoi lipidi.

A differenza dei grassi contenuti nella carne, quelli del pesce (soprattutto il pesce dei nostri mari) sono ricchissimi di acidi grassi insaturi Omega 3 (EPA e DHA soprattutto). Si tratta di acidi grassi che, numerosi studi lo confermano, prevengono numerose malattie cardiovascolari e, in gravidanza, favoriscono un corretto sviluppo del sistema nervoso.

Questi acidi grassi, inoltre, contribuiscono a tenere bassi i livelli di trigliceridi e colesterolo e impediscono l’aggregazione delle piastrine attorno alle placche di colesterolo e fanno sì che queste non ostruiscano il passaggio del sangue nelle vene.

Leggi anche:
La guida di una mamma allo svezzamento

Come acquistare il pesce

Attenzione nel momento dell’acquisto: il pesce fresco deve avere occhi brillanti e arrotondati, la pelle lucida e la carne soda, un odore gradevole e le branchie rosate.
Se si acquista pesce surgelato è importante leggere l’etichetta che deve riportare la data di scadenza, ed è bene assicurarsi che la confezione sia integra.

Pesce per neonati, svezzamento

Durante lo svezzamento il pesce può essere proposto sottoforma di omogeneizzato sin dal sesto-settimo mese, e poi man mano che si va avanti si può offrire una sogliola, il merluzzo, e anche i bastoncini e le cotolette di pesce.
Inserisco almeno un paio di volte a settimana il pesce nel nostro menu, considerato che i bambini lo mangiano anche a scuola.
Preparo delle semplici sogliole con pomodorini oppure alla mugnaia, con la farina, il merluzzo al limone, oppure il filetto di orata al forno, con le patatine e le zucchine tagliate a bastoncino.

Pesce per neonati senza spine

Ovviamente è davvero difficile trovare un pesce che non abbia le spine, ma potremmo sempre sceglierne uno che ha la lisca grande al centro e che si facile da spinare. La sogliola è decisamente il pesciolino perfetto per i bambini, è gustosa, si presta a mille prepaparazioni ed è leggera e facile da pulire.
Fino a che i bambini non sono abbastanza grandi, eviterei di proporre pesce spada o salmone.
capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.