quanta pasta ai bambini

Quanta pasta ai bambini?

08/06/2017

Quale alimentazione preferire per i bambini? E quanta pasta ai bambini possiamo inserire nel menu settimanale e durante lo svezzamento nei primi anni di vita?

La dieta mediterranea è senza dubbio la scelta migliore. I vari nutrienti vanno suddivisi secondo queste modalità:

Claudio Maffeis professore associato di Pediatria all'università di Verona ricorda che esiste una netta correlazione tra

l'obesità infantile nei bambini di 10 anni e le abitudini alimentari dei primi anni di vita e i bambini che a un anno hanno seguito una dieta iperproteica e ipercalorica, hanno una maggior probabilità di diventare sovrappeso in anni successivi

E allora i nutrizionisti promuovono la pasta che fornisce carboidrati complessi a lento assorbimento a basso indice glicemico.

In base all’età la porzione varia da 30 a 80 grammi di pasta.

Ricorrendo a questi sani ingredienti tipici della dieta mediterranea e prestando attenzione a calibrare nel giusto modo i nutrienti indispensabili alla crescita del bambino, si possono ottenere facilmente piatti unici a base di pasta che vanno dalle 200 alle 400 chilocalorie

precisa Maffeis, che invita comunque i genitori a prestare attenzione alle porzioni: “il piccolo non va riempito, bensì alimentato”.

Personalmente fino ai due anni ho messo in pentola due/tre cucchiai da cucina di pasta.

L’ideale quindi è associare la pasta a verdure e a proteine, come il pesce, i legumi, la carne per ottenere un pasto completo dal punto di vista nutrizionale e sano.

E una sana alimentazione inizia sin dallo svezzamento, nei primi mesi di vita. Non stimoliamo i bambini piccoli a sapori troppo forti ma puntiamo su frutta e verdura nel primo semestre, no al sale per tutto il primo anno.

E ancora “Preferire i cereali integrali con ridotto indice glicemico (pasta, orzo, riso, etc.) rispetto a quelli con indice glicemico più alto; contenere il consumo proteico (carni rosse, insaccati, formaggi); utilizzare grassi “buoni” (olio d’oliva extravergine); variare gli alimenti nell’arco della settimana; bere molta acqua”.

Cosa cucinano le mamme italiane ai loro bambini? E qual è l'alimento preferito da mamme e piccoli?

Risponde a queste ed altre domande una recente indagine Doxa/Unaitalia che ha condotto la ricerca “Le mamme e l’alimentazione dei loro figli” indagano su circa 5 milioni di mamme con figli tra 1 e 14 anni.

E allora ecco cosa emerge da questa analisi e scopriamo se anche noi rispecchiamo l'identikit della mamma italiana in cucina:

E ancora, cosa preparano le mamme italiane e quali sono gli alimenti più amati?

Re indiscusso delle tavole resta il pollo, un ingrediente che mette d'accordo tutti: le mamme lo ritengono una carne magra e nutriente (60%) e piace a tutti (59%). Il pollo è presente sulle tavole almeno due volte a settimana.

Pasta e pane sono inserite nella dieta 3-4 volte a settimana, i cereali solo 2,4 volte, il riso 1,5 volte e le patate 1,4 volte.

A commentare i dati ci pensa Giuseppe Morino, Resp. UO Educazione Alimentare dell’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Roma, che ritiene che proporre quotidianamente pasta e pane sia giusto anche se consiglia di

non associare questi alimenti tra loro e di differenziare il più possibile, inserendo cereali più ricchi di fibre, o prediligere pasta e pane integrali

E per quanto riguarda la carne? Il pediatra risponde.

La carne è un alimento dall’elevato valore nutritivo, poiché è una fonte primaria di alcuni nutrienti e micronutrienti solitamente assenti (come la vitamina B12), o scarsamente rappresentati (zinco, selenio, niacina e riboflavina), o meno biodisponibili (come il ferro) nei prodotti di origine vegetale. Buona la scelta di prediligere le carni bianche, ottima fonte di proteine, con pochi grassi e di buona qualità, una elevata digeribilità e un ragionevole apporto calorico

L'importante è variare le proteine, proponendo pesce, carne e legumi ognuno almeno 3 volte a settimana. I restanti giorni si possono alternare uova, prosciutto o formaggi (1-2 volte a settimana al massimo).

E per rispondere alla domanda su Quante proteine dare ai bambini, vi rimando al post che ho scritto in proposito

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.