natale in ospedale

Natale in ospedale, come farlo vivere ai bambini

29/10/2016

Il Natale negli ospedali per i bambini e i loro genitori può essere molto triste. Per questo in numerosi ospedali i volontari organizzano diverse attività (feste, scambio dei regali, visita di Babbo Natale o della Befana) per portare il sorriso nei reparti pediatrici e per aiutare i bambini a vivere il Natale in ospedale.

E’ ciò che accade anche presso l’ospedale Le Bonheur Children's Hospital dove però nei giorni di Natale l’atmosfera diventa davvero magica. Non ci sono Babbi Natali o Befane mascherate in questo ospedale ma degli elfi speciali che saltano da un piano all’altro, sorprendendo i bambini ogni giorno. Nell’ospedale, nei 12 piani più in quello dove è allestita la casa famiglia, in questi giorni girano ben 15 elfi che vengono direttamente dal Polo Nord per parlare con i bambini e riferire le loro richieste a Babbo Natale.

I medici e gli infermieri riferiscono che la presenza degli elfi nei diversi reparti crea sorpresa e curiosità nei piccoli pazienti e li spinge anche ad alzarsi dal letto per fare una passeggiata in corridoio, sperando di 'scovare' l’elfo magico.

E' noto per la sua attenzione nei confronti di strumenti innovativi che stimolino i bambini ad affrontare meglio la loro degenza in ospedale.

All’Ospedale Bambin Gesù di Roma, ad esempio, il Castello dei giochi viene allietato dalla musica della Fanfara della Polizia. Tanti brani per grandi e piccoli, tra le sigle dei cartoni animati e la trascinante Marcia di Radetzky, regali per tutti i bambini. Una visita in musica che si conclude con gli auguri di Buon Natale da parte del Corpo della Polizia.

Ma in molti ospedali pediatrici italiani, grazie alle Associazioni onlus che credono e praticano la clownterapia, vengono regalati ai bambini 'malati' tanti regali, giocattoli, giochi e spettacoli... affinchè sia anche per loro un momento di gioia e di speranza.

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.