Omogeneizzati homemade

17/06/2015

omogeneizzati homemade bigQuando si inizia a svezzare il bambino molte mamme decidono di preparare gli omogeneizzati in casa, scegliendo con cura verdure e carne o pesce da usare per la preparazione delle pappe.

Ma bisogna prestare particolare attenzione alla preparazione e alla modalità di conservazione degli omogeneizzati per evitare la presenza di batteri e agenti patogeni.

Nitrati negli omogeneizzati fatti in casa

Si tratta di sostanze chimiche presenti nelle verdure e nei fertilizzanti e possono contaminare le piante che crescono più in prossimità della terra come carote, zucche, spinaci, fagiolini. Il lavaggio non rimuove i nitrati dalle verdure e molte aziende produttrici di baby food testano il prodotto finale per rendere l’alimento sicuro, ma questo non è possibile quando si preparano gli omogeneizzati in casa. Per questo è importante evitare di somministrare al bambino spinaci ed altri alimenti ricchi di nitrati prima dei sei mesi di vita, questo perché prima di questo periodo l’apparato digerente del bambino non è sufficientemente sviluppato e non riesce a difendersi dai nitrati e il corpo non produce gli enzimi necessari a difendersi dal processo tossico dei nitrati.

I nitrati possono essere contenuti anche nell’acqua, soprattutto se si abita in campagna, quindi attenzione anche a chi usa il latte artificiale che è bene prepararlo usando acqua in bottiglia.

Botulino negli omogeneizzati fatti in casa

Il botulismo è una malattia causata dal batterio Clostridium botulinum che produce una sostanza chiamata tossina botulinica che agisce a livello muscolare provocando anche la paralisi.

Il Clostridium botulinum, come i nitrati, si trova nel terreno. Sono quindi più a rischio verdure come le patate, le carote, barbabietole, zucca, spinaci e fagiolini. L’ebollizione del cibo per 10 minuti di solito uccide i batteri e distrugge la tossina attiva, ma non le spore.

Se gli alimenti ad alto rischio sono conservati in modo improprio in vasetti o lattine i batteri attivi emergono dalle spore ed iniziano a produrre la tossina. Inoltre le spore, se ingerite, possono dar vita ai batteri attivi all'interno dell’intestino e provocare danni, soprattutto ai bambini con meno di 12 mesi di vita e alle persone con un sistema immunitario compromesso.

Visione offuscata, secchezza delle fauci, difficoltà a deglutire e parlare e paralisi dei muscoli di gambe e braccia sono i sintomi di un botulismo causato dai batteri attivi, più lenta invece la progressione del botulismo da spore: la tossina si accumula per giorni o settimane, lentamente, causando difficoltà a parlare, stitichezza, inappetenza, astenia e infine paralisi respiratoria.

Come preparare gli omogeneizzati fatti in casa

  • Lavare con cura gli alimenti e gli attrezzi che intendete usare
  • sbucciare frutta e verdura, togliendo piccioli e semi
  • cucinare la verdura al vapore oppure nel cuoci pappa
  • quando è arrivato il tempo per proporre la carne togliere il grasso, i nervi e cucinare il pezzo completamente magro
  • frullare nel cuoci pappa aggiungendo liquido di cottura o acqua
  • dopo i nove mesi, o quando il bambino è pronto, aggiungere piccoli pezzetti di cibo

Il cibo va conservato in un vasetto di vetro sigillato e tenuto in frigo per 24 ore al massimo. Se si desidera congelarli si deve prima metterli sottovuoto.

 

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.