Sindrome dell'ovaio policistico

21/06/2011

ovaio policistico bigLa sindrome dell’ovaio policistico è un disturbo che colpisce circa il 5-10% delle donne in età riproduttiva e rappresenta la principale causa di infertilità femminile.

Durante la normale fase di ovulazione, gli ovociti vengono espulsi dalle ovaie per essere fecondati dagli spermatozoi, ma nell’ovaio policistico (caratterizzato, cioè, da piccole cisti ripiene di liquido) spesso i follicoli, che si presentano in numero eccessivo, non giungono a maturazione e l’ovocita non viene mai espulso.

Il principale sintomo della sindrome dell’ovaio policistico è, infatti, un’alterazione del ciclo mestruale (che può essere assente, amenorrea, oppure può presentarsi a mesi alterni, oligomenorrea, può presentarsi poche volte in un anno o sparire del tutto).

Nella maggior parte delle donne affette dalla sindrome dell’ovaio policistico può presentarsi l’irsutismo, cioè una crescita anomala di peli causata da una maggiore concentrazione nel sangue dell’ormone maschile, il testosterone.

Inoltre in alcune donne può presentarsi l’acne sul viso, sulla schiena e sul petto e spesso questa sindrome è collegata al sovrappeso a causa di una sviluppata insulino-resistenza delle cellule.

Infine aborti ricorrenti possono essere collegati alla sindrome dell’ovaio policistico (i dati rivelano che il 65% delle gravidanze in donne con la sindrome termina con un aborto spontaneo) a causa degli anomali livelli dell’ormone luteinizzante (LH).

Tuttavia la maggior parte delle donne non si rende conto di avere questo problema finché non cerca una gravidanza. Di fronte alle difficoltà di concepimento, il controllo ecografico, spesso accompagnato da un esame del sangue per misurare i livelli ormonali, porta una diagnosi spesso inaspettata.

La comunità scientifica ancora si interroga sulle possibili cause della sindrome dell’ovaio policistico. Certamente esiste una predisposizione genetica e un maggiore rischio di sviluppare la sindrome se si soffre di diabete di tipo II (o se ci sono casi in famiglia) o se i familiari maschi soffrono di calvizie precoce. Inoltre il sovrappeso aumenta il rischio.
 
Come curare la sindrome dell’ovaio policistico

Se adeguatamente curata la donna con sindrome dell’ovaio policistico ha ottime probabilità di diventare madre.

Generalmente il primo approccio terapeutico consiste nel clomifene, uno stimolante dell’attività ovarica: può indurre l’ovulazione, ma in certi casi aumenta il rischio di gravidanze gemellari perché procura lo scoppio di più di un follicolo.

Una seconda opzione è rappresentata dalle gonadotropine a basso dosaggio che offrono ottime probabilità di successo.

Nelle donne in sovrappeso, soprattutto se non rispondono al clomifene, può essere prescritta la metformina per migliorare l'utilizzazione periferica del glucosio e abbassare i livelli degli ormoni androgeni, aumentando quelli della SHBG, la proteina legante gli ormoni sessuali.

In generale, è importante tenere il proprio indice di massa corporea tra 19 e 25 e seguire una dieta equilibrata finalizzata a perdere peso. In alcuni casi è sufficiente perdere peso e cambiare stile di vita e alimentazione per aumentare le probabilità di concepimento.

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.