cosa fare se il bambino e in sovrappeso

Cosa fare se il bambino è in sovrappeso

07/06/2017

I dati relativi all’obesità infantile in Italia sono leggermente in calo: la percentuale di bambini obesi di età compresa tra i 6 e i 10 anni è scesa dal 12 al 9,3 per cento in dieci anni, mentre quella dei bambini in sovrappeso è passata dal 23,2 al 21, 3 per cento

I dati contenuti nell'ultimo rapporto del sistema di sorveglianza «Okkio alla Salute», promosso dal Ministero della Salute mostrano che negli ultimi dieci anni il numero di bambini italiani in sovrappeso è sceso del 13% ma il nostro Paese resta maglia nera in Europa e molti genitori continuano a non voler vedere il problema:  

Le cause principali dell'obesità infantile sono legate ad una cattiva alimentazione e ad uno stile di vita eccessivamente sedentario.

Si stima che un bambino i cui genitori sono obesi ha 70-80% di probabilità in più di andare incontro al sovrappeso rispetto a un bambini i cui genitori sono normopeso. La riflessione che ne deriva è che le abitudini alimentari dei genitori influiscono, in questo in maniera negativa, sul rapporto che i figli hanno con il cibo. Non dimentichiamo mai che il primo esempio che i bambini seguono sono proprio i genitori. E non solo in termini di sovrappeso e obesità, ma anche viceversa in termini di diete eccessivamente restrittive e anoressia.

Una buona abitudine è consumare i pasti tutti insieme, chiacchierando e prendendosi il giusto tempo approfittando di una necessità, quella di cibarsi, per costruire un momento di aggregazione e condivisione familiare.

I bambini hanno bisogno di regole e di indicazioni precise. E non solo per un sereno sviluppo, per il benessere mentale e la qualità del sonno ma anche per prevenire obesità e sovrappeso.

Secondo uno studio condotto dai ricercatori del Murdoch Children's Research Institute di Melbourne su un gruppo di 4mila bambini e i loro genitori dare regole quotidiane precise circa l’uso della televisione, gli orari dei pasti e quelli della buonanotte avrebbe inevitabili ripercussioni sulla salute dei bambini e li aiuterebbe ad avere un buon indice di massa corporea e a prevenire il sovrappeso.

Secondo quanto pubblicato sulla rivista Pediatrics, infatti, i figli dei genitori che avevano l’abitudine a dare regole precise erano più magri rispetto agli altri.

All’inizio dello studio i bambini avevano 4/5 anni e sono stati seguiti per circa due anni, durante i quali i ricercatori coordinati da Pauline Jensen, hanno misurato l’indice di massa corporea e monitorato le abitudini familiari.

Cosi come è importante educare i bambini ad una corretta alimentazione è importante insegnargli quanto importante sia l’attività fisica, a tutte le età.

Oltre ai benefici legati all’autostima e alla socializzazione, lo sport fa bene alla salute e nel caso di bambini in sovrappeso l’attività sportiva è fondamentale.

L’importante è scegliere uno sport che sia cucito su misura, che appassioni il bambino in modo che egli possa viverlo come una scelta e non solo come una costrizione. Certamente la preferenza va indirizzata verso quelle attività aerobiche: come la corsa, il nuoto, il ciclismo, il calcio.

La frequenza consigliata è di tre volte alle settimana per un’ora di allenamento. Soprattutto se il bambino ha delle oggettive problematiche di obesità, l’allenamento dovrà essere sempre sostenibile, per non creare frustrazione e scoraggiamento e potrà aumentare di volta in vota rispetto alla resistenza fisica sviluppata dal bambino.

E’ bene, infine, ricordare che l’obesità e il sovrappeso sono causa, di altri seri problemi legati alla salute come:

Giuseppe Morino, responsabile dell'Unità Operativa di Dietologia clinica dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, ricorda che tra le più diffuse e rischiose complicanze legate all’obesità e al sovrappeso tra i bambini ci sono:

Adottare alcune piccole abitudini di vita, senza troppo disturbo, riescono ad avere alla lunga, dei risultati apprezzabili. Quali?

 

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.