settimo mese di gravidanza

Settimo mese di gravidanza

01/02/2017

Se il bambino dovesse nascere nel settimo mese di gravidanza avrebbe una percentuale di sopravvivenza tra il 70 e il 90%. E’ il momento di cominciare a pensare alla struttura dove si partorirà e a preparare la valigia per il parto.

E’ il momento giusto anche per iniziare ad allestire la cameretta del bambino, perché più si andrà avanti più il peso del pancione e la stanchezza si faranno sentire.

Come cresce il feto

Il bambino è ormai formato e in questo mese si completa lo sviluppo dell’udito, quindi il piccolo può sentire la musica, le voci e i rumori provenienti dall’esterno, e respira in modo sempre più regolare.

La pelle è rivestita di una sostanza densa e viscosa chiamata vernice caveosa che ha una funzione protettiva.

Il feto pesa tra i 1000 grammi e i 1500 grammi alla fine del settimo mese ed è lungo tra i 33 e i 38 centimetri.

Cosa accade alla donna

Il peso del pancione può cominciare a dar fastidio alla schiena: il bacino viene spostato in avanti per mantenere l'equilibrio e provoca una tensione continua dei muscoli della schiena e dell'addome.

Inoltre, la millimetrica dilatazione del bacino, che deve far posto alla pancia, poggia sull'osso del pube provocando dolore a volte molto intenso e anche la dilatazione uterina che preme sul nervo sciatico provoca dei dolori che vanno dalla schiena fino alla gamba, giungendo talvolta anche al piede.

La pelle ha bisogno di una cura particolare: la linea nigra è sempre più evidente e possono presentarsi delle macchie sul viso (è il cloasma gravidico o maschera della gravidanza). Attenzione all’uso di creme naturali.

E’ molto importante tenere sotto controllo la pressione arteriosa (attenzione a misurarla mentre si sta in piedi o sedute).

Potresti cominciare ad avvertire dei dolori al basso ventre e delle contrazioni: se non sono regoalri ed aumentano di intesità non c'è da preoccuparsi. Sono causate dai movimenti del bambino, dalla dilatazione dell'utero che si sta preparando.

Congedo di maternità

La legge prevede un congedo parentale obbligatorio di cinque mesi (due mesi prima del parto e tre mesi dopo), ma si può lavorare fino all’ottavo mese di gravidanza se lo stato di salute è buono e la gravidanza lo permette. E’ il momento, quindi, di rivolgersi al proprio datore di lavoro per comunicare la propria decisione in merito al congedo.

Il settimo mese di gravidanza si conclude a 30 settimane + 4 giorni

Per approfondire guarda il video

Segui la gravidanza mese per mese

Primo mese di gravidanza
Secondo mese di gravidanza
Terzo mese di gravidanza
Quarto mese di gravidanza
Quinto mese di gravidanza
Sesto mese di gravidanza
Settimo mese di gravidanza
Ottavo mese di gravidanza
Nono mese di gravidanza

capriati bw square
Francesca Capriati
Giornalista
Mamma blogger
Dalla gravidanza al parto, dall'allattamento all'adolescenza: il mio spazio virtuale per condividere esperienze, difficoltà ed informazioni.